A- A+
Politica
Lo sfogo di Giorgio Napolitano. Come dico io o mi dimetto
Capitolo: "I segreti di Napolitano"

Legge il suo lungo discorso davanti alle Alte cariche dello Stato e detta le urgenze del Paese, Giorgio Napolitano. Con una preoccupazione: "Mutamenti incalzanti della scena politica, mutamenti ancora lontani da un chiaro assestamento e tali da presentare incognite non facilmente decifrabili". E un avvertimento, lo stesso che aveva fatto il giorno del suo insediamento davanti alle Camere riunite, quando chiari' "i limiti" del suo reincarico: "Non manchero' di rendere nota ogni mia ulteriore valutazione della sostenibilita', in termini istituzionali e personali, dell'alto e gravoso incarico affidatomi", ha scandito. In primo piano, per Napolitano, vi sono le possibili "scosse sociali" e la necessita' di mandare in porto le riforme prima di poter pensare a elezioni. E su questo ha chiesto la collaborazione di Forza Italia, ma non ha fatto sconti al suo leader Silvio Berlusconi: il ricorso a tutte le possibili via di difesa "non autorizza a evocare immaginari colpi di Stato". Durissima la reazione di Forza Italia. Nel sostegno al governo sta "travalicando il ruolo assegnatogli dalla Costituzione su cui pure ha giurato", ha attaccato Renato Brunetta, e "le esternazioni" sulle riforme "appaiono anche irrispettose della sentenza della Corte Costituzionale". Napolitano, ha rincarato, "non e' piu' super partes".

In cima alle preoccupazioni di Napolitano vi sono appunto le le tensioni sociali che attraversano il Paese. "Previsioni internazionali per il 2014 segnalano un rischio diffuso di tensioni, scosse sociali", ha ricordato, "un rischio che non si presenta naturalmente in tutti i Paesi dell'Unione nella stesa misura, ma che deve essere tenuto ben presente e fronteggiato in Italia", ha avvertito. Dunque "occorre accompagnare il piu' severo richiamo al rispetto della legge con la massima attenzione a tutte le cause e i casi di piu' acuto malessere sociale". Poi ci sono le riforme, in un quadro complessivo che deve essere di stabilita'. "L'Europa ci guarda ed e' diffusa, credo, tra gli italiani la domanda di risposte ai loro costanti problemi piuttosto che 'aspettativa di nuove elezioni anticipate dall'esito piu' che dubbio", ha sottolineato. Prima serve una nuova legge elettorale "che, insieme alle riforme costituzionali, soddisfi, con corretti meccanismi maggioritari, esigenze di governabilita' proprie di una democrazia governante, di una democrazia dell'alternanza", ha spiegato. Sulle riforme, e' il messaggio di Napolitano, e' necessaria "la ricerca della piu' larga convergenza".

Da qui, e dal gravoso compito di affrontare la crisi, l'auspicio che nelle Camere si affermi "in ogni momento un clima di civile confronto", con il parlamento "rinvigorito da piu' giovani forze e da nuove leadership in diverse formazioni politiche". Del resto, "le sorti del governo poggiano soltanto sulle sue forze, sono legate soltanto al rapporto di fiducia con la sua maggioranza", ha assicurato, quasi a voler respingere gli attacchi di chi lo accusa di essere il 'deus ex machina' dell'esecutivo. Nel suo intervento, Napolitano non ha mancato un passaggio su un tema che "non si puo' trascurare nemmeno per un giorno", quello "delle condizioni disumane delle carceri". E qu questo e' arrivata pronta la rassicurazione del premier Enrico Letta. "Gia' domani il consiglio dei ministri dara' seguito alle sue parole sulla giustizia", ha anticipato. Il presidente del Consiglio ha apprezzato tutte le indicazioni: "Spero che il Parlamento colga il monito del Presidente della Repubblica", ha commentato.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
napolitanoletta
in evidenza
Fine dell'Ue, terremoti, siccità... Nostradamus, le profezie 2022

Che cosa accadrà il prossimo anno

Fine dell'Ue, terremoti, siccità...
Nostradamus, le profezie 2022

i più visti
in vetrina
Meteo, inverno sconvolto dalla Niña. Neve in pianura già a dicembre

Meteo, inverno sconvolto dalla Niña. Neve in pianura già a dicembre


casa, immobiliare
motori
Nuova Ford Focus: un accurato restyling aggiorna look e tecnologie

Nuova Ford Focus: un accurato restyling aggiorna look e tecnologie


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.