A- A+
Politica

Non ha voluto rendere l'interrogatorio davanti ai giudici della quarta sezione penale del tribunale di Roma e poco dopo ha avuto un malore. Mattinata convulsa per l'ex tesoriere della Margherita, Luigi Lusi, che doveva essere sentito nell'ambito del processo che lo vede imputato per la sottrazione di oltre 23 milioni di euro dalle casse del disciolto partito. E' stato il difensore di Lusi, l'avvocato Luca Petrucci, a dire al collegio che l'imputato rinunciava ad essere esaminato.

"Lusi - ha detto il penalista in aula - e' gia' stato sottoposto a lunghi interrogatori per oltre 20 ore. Intende confermare quanto gia' detto e per questo rinunciamo al suo esame e produciamo 61 documenti". Poco dopo l'ex tesoriere della Margherita, uscito dall'aula e accompagnata dalla moglie Giovanmna Petricone (coinvolte nella stessa indagine e reduce da un patteggiamento a un anno di reclusione) ha accusato un malore nei corridoi di piazzale Clodio. E' intervenuto il medico del tribunale che ha poi deciso di inviare Lusi al pronto soccorso piu' vicino. Nel frattempo il pm Stefano Pesci, assieme agli avvocati di parte civile, ha esaminato la nuova documentazione presentata dalla difesa, per lo piu' articoli di giornali con dichiarazioni degli ex vertici della Margherita in diversi periodi.

Tags:
lusi
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Renault Arkana e-tech 145, la nouvelle vague diventa ibrida

Renault Arkana e-tech 145, la nouvelle vague diventa ibrida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.