A- A+
Politica
M5s, Luigi di Maio shock: Virginia Raggi rinviata a giudizio non si dimetterà

Luigi Di Maio parla a ruota libera in un'intervista al "Messaggero" e lascia tutti di stucco. Almeno chi non è abituato ai suoi continui dietrofront e virate a 180 gradi su qualsivoglia argomento. Questa volta si parla di un eventuale rinvio a giudizio di Virginia Raggi (ampiamente "sponsorizzata" da Di Maio nel 2016 ai tempi delle comunarie e poi durante la campagna elettorale) e le parole del Vicepresidente della Camera sembrano prefigurare lo scenario più agghiacciante per la giovane sindaca pentastellata e per il M5s tutto: ovvero la decisione da parte della magistratura di rinviarla a giudizio costringendola ad affrontare un processo, con tutto ciò che comporterebbe.
La Raggi è già in una posizione scomoda nella sua probabile veste di semplice testimone nel processo a Raffaele Marra, imputato per concorso in corruzione con Sergio Scarpellini.
Ma nei panni di imputata in un processo, la posizione già traballante della Raggi sarebbe compromessa per sempre, e probabilmente - se vogliamo citare testualmente le gole profonde capitoline - "non ne uscirà viva".
Di Maio, che teme come la peste quel momento, dopo l'impegno in prima persona per sostenere la Raggi, mette dunque le mani avanti e dichiara: «Il nostro codice etico prevede che in caso di condanna in primo grado si venga esclusi dal M5S, o sospesi o espulsi. Ma ci riserviamo discrezionalità: ricordo che sono state adottate misure anche solo in caso di avviso di garanzia, se dalle carte legate all’avviso risultano evidenze immorali interveniamo immediatamente. Ma anche senza avviso: abbiamo espulso il sindaco di Gela perché rifiutava di tagliarsi lo stipendio nonostante l’impegno preso».
Una dichiarazione shock, viste quelle che rilasciava solo qualche tempo fa, quando gli indagati (anche solo per reati di minore entità) erano gli esponenti di altri partiti, come nel caso dell'allora Ministro degli Interni Angelino Alfano, di cui il "virgulto" chiedeva enfaticamente le dimissioni (e "in cinque minuti", per giunta) per lo stesso reato per cui è indagata Virginia Raggi, ovvero l'abuso d'ufficio. La stessa Paola Muraro, ex assessora all'Ambiente costretta a dimettersi dopo l'avviso di garanzia, subiva un trattamento del tutto diverso: "Muraro indagata? Non ha ancora ricevuto un avviso di garanzia ma nel caso il Movimento non ha mai fatto sconti a nessuno...".
E che dire del dicembre 2014, quando sosteneva che il garantismo aveva rovinato l'Italia e pontificava: "Per me ai politici non va applicata la presunzione di innocenza. È facendo i garantisti con i politici che abbiamo rovinato lo Stato Italiano. Altro che presunzione di innocenza. Io per questa gente vedo solo presunzione di indecenza". 
Ci si chiede dove sia finita questa "presunzione di indecenza" per gli esponenti pentastellati, fra i quali cominciano a esservi vari indagati come nel caso dei tre parlamentari Riccardo Nuti detto Grillo, Giulia di Vita e Claudia Mannino. O i condannati come l'onorevole pentastellato Paolo Bernini, condannato a risarcire il suo ex collaboratore Lorenzo Andraghetti licenziato ingiustamente. Un rinvio a giudizio per la Raggi, sindaca della Capitale e fiore all'occhiello del M5s, sarebbe una catastrofe mediatica senza precedenti per i grillini.
Forse per questo, chissà, Luigi Di Maio preferisce anticipare i tempi e blindare da subito la prima cittadina romana, la cui disfatta potrebbe trascinare anche lui nel baratro dell'impopolarità e precludergli quel Palazzo Chigi cui ambisce da sempre e che, da qualche tempo a questa parte malgrado gli specchietti per le allodole di Harvard e delle presentazioni dei libri accanto a Gianni Letta e a Maria Elena Boschi, sembra sempre più lontano. 
Una cosa è certa... Luigi Di Maio sembra avere una gran paura che Virginia Raggi sia rinviata a giudizio, il che confermerebbe le voci dal sen fuggite che vedono con estrema certezza la bella e giovane sindaca al banco degli imputati. Dal mantra "Bello, bello, bellissimo" a un incubo senza fine.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
m5sluigi di maiovirginia raggiraffaele marrarinvio a giudizioprocessoindecenza
in evidenza
Vlahovic, Martial e anche... Mercato, Juventus scatenata

Grandi manovre a gennaio

Vlahovic, Martial e anche... Mercato, Juventus scatenata

i più visti
in vetrina
Paola Iezzi, la quarantena hot della cantante - FOTO

Paola Iezzi, la quarantena hot della cantante - FOTO


casa, immobiliare
motori
Nissan svela la versione speciale JUKE Kiiro

Nissan svela la versione speciale JUKE Kiiro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.