A- A+
Politica

Zaccagnini lascia - Adriano Zaccagnini, deputato M5S considerato tra le voci più critiche del Movimento, ha deciso di passare al gruppo Misto. "Passo al gruppo misto e restituisco i soldi", ha detto annunciando l'addio al Movimento 5 stelle. "Non mi sento piu' a mio agio, non riesco a lavorare serenamente. C'e' un clima irrespirabile, non ho la forza di continuare a combattere da dentro una guerra intestina che non ha senso. Volevo uscire lo stesso giorno della senatrice Paola De Pin, poi ho letto le dichiarazioni del capogruppo Morra in cui si sottolineava che sarebbe stato meglio se fosse accaduto dopo le elezioni".

"Stamane ho fatto il bonifico e l'ho consegnato al capogruppo Nuti e a lui ho anche consegnato la lettera di passaggio al Misto", ha annunciato. "Si tratta di 8.500 euro per i due mesi e mezzo" di attivita' parlamentare, spiega ancora il deputato che, a chi gli chiede se continuera' a restituire l'eccedenza non ha dubbi: "Penso proprio di si", ma non saranno piu' destinati ad ammortizzare "il debito pubblico nel momento in cui si chiede di rinegoziarlo".

La senatrice Paola De Pin si è dimessa. Gli 'integralisti' non si stupiscono e anche se molti dicono di non conoscerla, leggono l'episodio sempre nella stessa ottica: "Ha lasciato per tenersi i soldi". Si avvicina, infatti, il giorno della restituzione: martedi' sara' il 'Restitution day'.

Entro quel giorno i parlamentari dovranno versare la diaria non spesa e la parte dell'indennita' che renderanno allo Stato in un conto corrente per la riduzione del debito pubblico. Sara' quello, quindi, il momento della verita'. I talebani, infatti, sono convinti che prima di quella data altri grillini lasceranno, a conferma che la questione e' legata soltanto ai soldi. Mentre tra i dissidenti c'e' chi teme un'emorragia e chi e' convinto che tutti restituiranno cio' che devono.

Quali sono i motivi reali dell'abbandono di Paola De Pin? La tesi dei piu' integralisti e' che l'abbia fatto per soldi. Un attivista del Meet up di Oderzo, paesino in provincia di Treviso del quale e' originaria la De Pin, contattato al telefono spiega (preferendo pero' restare anonimo) che "De Pin era sparita da un po' e noi l'abbiamo chiamata per avere chiarimenti sulle spese sostenute a Roma". Perche', prosegue, "mentre il collega Gianni Girotto, anche lui trevigiano, restituisce 12.000 euro, lei soltanto 5.000".

La base, insomma, avrebbe chiesto chiarimenti e non li avrebbe ottenuti: "Non abbiamo visto neanche una ricevuta" accusa l'attivista del meet up di Oderzo. E poi, ci sarebbe anche uno scontro con David Borrelli, il primo consigliere comunale eletto nelle file dei 5 Stelle.

La senatrice De Pin avrebbe parlato di "minacce" e di "stalking" ricevute da Borrelli. Ma le cose, secondo l'attivista del meet up trevigiano, non sarebbero andate cosi': "Da parte di David Borrelli - racconta - nessuna minaccia. Semplicemente, come puo' accadere tra colleghi, c'e' stato qualche messaggio e qualche telefonata molto accesa. Puo' succedere, e poi David l'aveva aiutata in tutti i modi in campagna elettorale...". La notizia piomba a Montecitorio, dove ancora regge la 'tregua tattica', nell'indifferenza dei cosiddetti integralisti. Con Manlio Di Stefano, ad esempio, che prevede laconico: "Vedrete, si faranno fuori da soli".

Tags:
m5srestitution daygrillo
in evidenza
Diletta Leotta va in gol, da San Siro a Sanremo. Le foto

Sfilata da sogno e... da ridere

Diletta Leotta va in gol, da San Siro a Sanremo. Le foto


in vetrina
Gruppo FS: un totem al Binario 21 per ricordare le vittime della Shoah

Gruppo FS: un totem al Binario 21 per ricordare le vittime della Shoah


motori
Fiat Nuova 500 offre ricariche illimitate con il noleggio pay per use

Fiat Nuova 500 offre ricariche illimitate con il noleggio pay per use

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.