A- A+
Politica


Di Marco Rizzo *

La condanna totale dell’atto di brutale terrorismo compiuto a Parigi non deve impedire il ragionamento. L’Occidente paga il suo esser apprendista stregone. Alla fine degli anni ’70 furono creati ed appoggiati i “mujaheddin” afghani contro l’Armata Rossa, per arrivare ai giorni nostri quando sono stati distrutti gli stati laici dell’Irak e della Libia colpevoli di esser indipendenti dall’imperialismo. Ancora oggi USA e UE appoggiano i cosidetti ribelli siriani contro il legittimo governo del Presidente Assad in Siria, per non parlare dell’occhio di riguardo con cui viene guardata l’Arabia Saudita, da dove sono partiti larga parte dei terroristi dell’11 Settembre o i collegamenti tra Bin Laden ed i servizi segreti statunitensi. La condanna al terrorismo è totale così come quella all'imperialismo. Serve anche a non farsi intrappolare nella logica fascista e razzista che da domani ci sommergerà. Questo è un episodio che serve a far entrare l'Europa in guerra e la guerra in Europa. Chi c'è dietro Isis e lo stato islamico, chi paga 50 mila uomini? La Russia, direi di no? L'Iran, tanto meno? E allora? Dietro ci sono le lunghe mani dell'Occidente e/o dei suoi alleati arabi... In sostanza il terrorismo islamico è speculare all’imperialismo. Non capire questo significa negare l’evidenza. Ma siamo ormai abituati anche a questo.

* segretario del Partito Comunista (http://ilpartitocomunista.it/)

Tags:
marco rizzo
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up

Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.