@Tommaso5mani

michele bordo pd@Tommaso5mani

michele bordo pd@Tommaso5mani

michele bordo pd
A- A+
Politica


Di Tommaso Cinquemani
 twitter@Tommaso5mani

michele bordo pd
   Chi è Michele Bordo? Il suo profilo completo QUI
"Se Berlusconi pensa di mettere assieme le sue esigenze personali con quelle del Paese se ne assumerà le responsabilità difronte agli italiani". Michele Bordo, presidente della Commissione Politiche europee della Camera, ha le idee chiare sul futuro del governo. Con una intervista a tutto campo ad Affaritaliani.it spiega: "Questo governo deve andare avanti, ma non a tutti i costi. Dobbiamo attenerci al programma presentato quando Letta ha chiesto la fiducia in Aula". Nel suo videomessaggio però il Cavaliere ha rilanciato la necessità di una riforma della Giustizia… "E' un tema assolutamente fuori dall'agenda di governo e sul quale non ci sono le condizioni per trovare una convergenza. Dobbiamo concentrarci sul rilancio del Paese".


Onorevole Bordo, nel suo ormai famigerato videomessaggio Silvio Berlusconi non ha mai citato il governo Letta. E' inevitabile però che le fibrillazioni nel Pdl, a causa dei guai del suo leader, si ripercuotano sul governo. Lei crede che l'esecutivo sia a rischio?
"Intanto ci tengo a dire che quel video è quasi al limite dell'eversione. Berlusconi utilizza gli stessi argomenti contro i giudici che ha utilizzato in questi anni e ha cercato di passare come uno che non c'entra nulla con quello che è accaduto in Italia negli ultimi 20 anni".

E il governo?
"I reati che Berlusconi ha commesso e per cui è stato condannato non c'entrano nulla con l'esperienza di governo. L'esecutivo è nato per rispondere ad una emergenza economica importante e deve servire a questo. Se Berlusconi pensa di mettere assieme le sue esigenze personali con quelle del Paese si assumerà le responsabilità difronte agli italiani di aver vanificato i sacrifici compiuti in questi mesi".

Quindi si va avanti?
"Questo governo deve andare avanti, ma non a tutti i costi. Dobbiamo attenerci al programma presentato quando Letta ha chiesto la fiducia in Aula".

Nel suo discorso Berlusconi ha tirato fuori uno dei suoi cavalli di battaglia: la riforma della Giustizia. Nitto Palma, presidente della Commissione Giustizia del Senato, ha dichiarato ad Affaritaliani.it che presto questo tema sarà rilanciato in Aula. Se venisse presentato un disegno di legge il Pd sarebbe disposto a discuterne?
"E' un tema assolutamente fuori dall'agenda di governo, dobbiamo concentrarci su altre questioni. Sul tema della Giustizia evidentemente non ci sono le condizioni per trovare una convergenza".

Nitto Palma (Forza Italia): ora riformiamo la Giusitizia. Ecco i punti

"Ora rilanceremo il tema della riforma della Giustizia, che, prima di noi, è stata chiesta dal presidente della Repubblica". Lo annuncia ad Affaritaliani.it Francesco Nitto Palma, presidente della Commissione Giustizia del Senato. L'ex Guardasigilli spiega quali sono i punti chiave per Forza Italia: "Separazione delle carriere, interventi sui tempi eccessivi della custodia cautelare, revisione delle intercettazioni telefoniche, definitiva accelerazione del processo civile, responsabilità civile dei magistrati, modifica della composizione del Csm e una sanzione disciplinare strutturata in maniera diversa. Taluni punti sono condivisi anche dall'altra parte politica e altri certamente no". Sulle intercettazioni, Nitto Palma afferma: "Sicuramente il testo che stava per essere varato alla Camera non ci soddisfa". E infine sulle critiche dell'Anm a Berlusconi: "Ho smesso da tempo di pensare a quello che dice l'Anm. E' una categoria che fa politica a tutto campo e che spesso, senza alcuna forma di autocritica, assume posizioni e atteggiamenti di difesa della casta".

Alberto Maggi

 


Ha già deciso quale candidato sostenere al Congresso del Partito Democratico?
"Sosterrò Gianni Cuperlo. E' la persona giusta per la carica di segretario, che si deve dedicare al partito, riorganizzarlo. Serve qualcuno che rimetta il Pd in sintonia con gli italiani e che faccia politica 365 giorni all'anno. Nel passato abbiamo dato l'idea di un partito smobilitato, un comitato elettorale. Non va bene, bisogna cambiare".

Renzi non può essere la persona giusta per fare questo lavoro?
"Sarebbe un segretario transitorio: ha in testa solo la candidatura alla premiership. Per questo sono favorevole all'idea che si faccia una distinzione tra segretario del partito e candidato a Palazzo Chigi".

Uno dei temi cardine su cui si sta dibattendo all'interno del Pd sono le primarie. Secondo lei devono essere aperte a tutti i cittadini italiani o solo agli iscritti al Pd?
"Non ci sono le condizioni per scegliere il segretario nazionale del partito solo tra gli iscritti, bisogna interpellare tutti i simpatizzanti del Centrosinistra.  In prospettiva però penso che il segretario debba venire scelto dagli iscritti al partito, mentre il candidato alla premiership deve essere scelto con le primarie aperte alle quali possono partecipare tutti".

Secondo lei nel Pd c'è qualcuno che spera segretamente nella caduta del governo?
"Spero di no. Credo che non ci sia nessuno nel Pd che voglia congiurare per far cadere il governo. Tutti i candidati alle primarie per la segreteria hanno dichiarato che il governo Letta non è in discussione. Dopodiché se questo governo non riuscisse a fare le cose che deve…".

 

Tags:
governopdberlusconigiustizialetta
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Marica Pellegrinelli in bikini: il web si scalda. E con Borriello...

Marica Pellegrinelli in bikini: il web si scalda. E con Borriello...


casa, immobiliare
motori
Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo

Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.