A- A+
Politica
Migranti, l'Europa affonda il barcone di Renzi


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Come volevasi dimostrare. La montagna ha partorito il topolino. La litania del governo dopo la più grande strage di migranti nel Mediterraneo - "Europa, Europa, Europa" - è rimasta solo una sterile richieste e un insieme di parole vuote. Il Consiglio Ue straordinario ha dato il contentino all'Italia con l'aumento dei fondi per Triton, ma sul vero nodo - l'accoglienza dei migranti/profughi - c'è stato un clamoroso nulla di fatto. L'accoglienza sarà su base "volontaria" da parte dei paesi Ue. Traduzione: resteranno tutti in Italia. E se andranno all'estero sarà solo perché tentano la fuga e non vengono intercettati dalle polizie degli altri paesi (in caso contrario, come accade ora, continueranno a essere rispediti da noi in base al Trattato di Dublino). Niente da fare. Renzi ha alzato la voce, ha declinato in fiorentino il "ghe pensi mì" di Berlusconi, ma non ha ottenuto praticamente niente. E non poteva che finire così. In Gran Bretagna si vota il 7 maggio ed è ovvio che Cameron non vuole migranti dall'Italia. In Francia Hollande è ai minimi termini e certo non intende fare un regalo a Sarkozy e alla Le Pen. In Germania la Merkel è alle prese con i movimenti anti-Islam e anti-stranieri e quindi non può accollarsi i migranti che sbarcano in Italia. Migranti che resteranno quindi nel nostro Paese, con buona pace di chi in questi giorni ha sprecato fiato invocando l'intervento dell'Europa. Anche con Renzi a Palazzo Chigi siamo l'ultima ruota del carro in Europa. Triste ma vero.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
renzieuropamigranti
in evidenza
Confindustria, presentazione del 3° Rapporto sulle Reti d’Impresa

Scatti d'Affari

Confindustria, presentazione del 3° Rapporto sulle Reti d’Impresa

i più visti
in vetrina
Sanremo 2022, svelata la scenografia: tra passato e futuro. FOTO

Sanremo 2022, svelata la scenografia: tra passato e futuro. FOTO


casa, immobiliare
motori
Porsche Taycan nuova safety car della Formula E

Porsche Taycan nuova safety car della Formula E


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.