A- A+
Politica
Migranti, decreto Cutro: la toppa peggio del buco? Meloni, rischio cul de sac
Il Primo ministro Giorgia Meloni

Sulla stessa linea Amnesty International Italia: “E’ l’ennesimo passo falso di una norma nata sbagliata con norme inefficaci e controproducenti che non intervengono in alcun modo sulle cause delle stragi e delle violazioni dei diritti”. Sul DL 20/23 si ravvisa anche un forte rischio di incostituzionalità a causa dell’articolo 7 ter, che potrebbe impedire i ricorsi in caso di rigetto delle domande di protezione internazionale, violando gli articoli 24 e 113 della Costituzione. Insomma, per i partiti, al governo o all’opposizione poco cambia, il Decreto Cutro diventato legge è stato ed è l’occasione di scontro parlamentare e politico ad uso elettorale, un primo segnale che fa capire l’aria che tira in vista delle elezioni europee del 2024.

Ma qual è la situazione reale dell’immigrazione? Dall’inizio dell’anno al 4 maggio sono già arrivate in Italia, attraverso il Mediterraneo, 42.449 persone, quattro volte di più del 2022. Gli irregolari provenienti da Paesi in situazioni terribilmente gravi, ad esempio ben più gravi della Tunisia,  sono stati finora pochi: 1.585 dal Burkina Faso, 1.328 dal Mali. Ciò conferma che non sono condizioni estreme di violenza, guerre e persecuzioni a spingere in Italia così tanti emigranti irregolari. Il raffronto con il passato fa capire meglio quel che accade e quel che può presto accadere. Nel 2017 gli sbarchi erano stati 119.369.

Poi nel 2018, grazie ai decreti Sicurezza e Immigrazione dell’allora ministro dell’Interno (governo Conte) Salvini, gli sbarchi erano crollati a 23.370 nel 2018 e a 11.471 nel 2019. Sbarchi poi via moltiplicati dal 2020 dopo le sostanziali modifiche del nuovo ministro dell’interno Luciana Lamorgese: 34.154 nel 2020, 67.477 nel 2021, 105.131 nel 2022. L’ISPI (il centro studi italiano di analisi geopolitiche e tendenze politico-economiche globali) stima possibili 120.000-140.000 arrivi in Italia entro l’anno. Sarebbero i livelli della “crisi” del 2014-2016: livelli comunque gestibili o segnali di “invasione”?

La realtà è che almeno la metà dei 900mila migranti sbarcati in Italia nell’ultimo decennio sono poi andati in altri paesi europei. Il numero di stranieri in Italia è stabile, attorno ai 5,5 milioni dal 2014. Il governo intende accogliere legalmente 500 mila lavoratori extracomunitari entro il 2024: ciò anche per far fronte al problema del declino demografico e alla mancanza di manodopera. Ma non sarà facile conciliare una linea aperturista con una linea dura. Alle prossime elezioni europee del 2024, con le nuove ondate di immigrati e anche con quel che di male fanno alcuni di loro in Italia, il centrodestra e in primis il partito della premier Meloni, potrebbero pagare un conto salato. Sul nuovo governo non pesa solo la tragedia dei 93 morti nel mare a Cutro ma il permanere di una distanza abissale fra il dire e il fare, non si sa se per calcolo politico o per inconsistenza politica.

Il refrain della premier è sempre lo stesso: “Le frontiere marittime dell’Italia sono quelle dell’Europa e l’Europa è chiamata a difenderle. Nel Consiglio europeo l’Italia intende ribadire che non c’è solo un minuto da perdere sul tema dei migranti”. Ma l’Europa dov’è? La UE  fa orecchie da mercante e rimbalza sull’Italia la patata bollente: “Emergenza migranti? Se ne riparla nella primavera 2024”. Cos’è questo modo di agire, se non uno schiaffo politico a Meloni e al governo di centrodestra per metterli in difficoltà anche nei confronti dell’elettorato in vista delle elezioni europee  nella primavera 2024?

Appuntamento elettorale continentale atteso e delicato non solo per l’Italia ma per il destino dell’Unione europea. Secondo gli ultimi sondaggi la “maggioranza Ursula” che governa a Bruxelles sarebbe in forte calo a vantaggio della destra, degli indipendenti e degli euroscettici. Meloni, Salvini e i loro “soci” al governo hanno già messo in fresco le bottiglie da stappare dopo il voto europeo. C’è un piccolo particolare: il governo Meloni, così, ci arriva al 2024?

Iscriviti alla newsletter
Tags:
melonimigranti





in evidenza
"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto

L'artista accusato di revenge porn

"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
DOBA: la rivoluzione digitale per prenotare la tua nuova DACIA

DOBA: la rivoluzione digitale per prenotare la tua nuova DACIA

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.