A- A+
Politica


E' IN CORSO AL NAZARENO, LA SEDE DEL PD A ROMA, L'ATTESISSIMO FACCIA A FACCIA TRA RENZI E BERLUSCONI SULLA LEGGE ELETTORALE. TREMA IL GOVERNO. ALL'ARRIVO DEL LEADER DI FORZA ITALIA UN GRUPPO DI MANIFESTANTI HA URLATO "VERGOGNA" E HA LANCIATO UOVA CONTRO L'AUTO DI BERLUSCONI

****************

La minoranza del Pd ad Affaritaliani.it: "Accordo con Silvio? Cade Letta"

Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)

"Un accordo sulla legge elettorale con Berlusconi tagliando fuori il resto della maggioranza sarebbe un errore. E' giusto dialogare a tutto campo sulle regole della democrazia però è necessario evitare di resuscitare il Cavaliere che è nell'angolo ridandogli una eccessiva centralità nello scenario politico. E' un gioco rischioso". Antonio Misiani, ex tesoriere del Partito Democratico e parlamentare molto vicino a Pierluigi Bersani, intervistato da Affaritaliani.it, mette in guardia Matteo Renzi nel giorno del faccia a faccia tra lo stesso sindaco di Firenze e il leader di Forza Italia. "Nel nostro partito siamo in tanti contro il modello spagnolo e penso che invece sul doppio turno ci possa essere una convergenza larga anche con Sel. D'altronde il doppio turno di coalizione è una proposta anche di Renzi. Ci sarà una battaglia politica a viso aperto in direzione e nei gruppi parlamentari contro lo spagnolo. Non penso che il segretario possa andare avanti su questa strada. Chiudere un accordo con Berlusconi su una legge elettorale spagnola mettendo due dita negli occhi degli altri partiti della maggioranza farebbe saltare il governo Letta e farebbe un favore enorme al Cavaliere. Penso e spero che alla fine si possa trovare un punto di mediazione".

"Se la proposta è quella di un modello con le liste bloccate, ovvero lo spagnolo, è costituzionalmente e politicamente invotabile. Va contro la Corte ed è un disastro perché spacca Pd e maggioranza. Faremo una battaglia nel gruppo e nelle aule parlamentari", afferma ad Affaritaliani.it Alfredo D'Attore, deputato bersaniano del Pd. Ipotesi di accordo Renzi-Berlusconi? "I miei dubbi saranno sempre motivati, di vigliaccate nei mesi scorsi ne abbiamo viste fin troppe. La maggioranza dei parlamentari del Partito Democratico ha una posizione contraria sul modello spagnolo delle liste bloccate. Non è una questione di correnti o di minoranza interna. La pensano così anche molti che hanno votato Renzi alle primarie. Il Pd ha sempre avuto due bandiere: il doppio turno per garantire la governabilità e le preferenze per far scegliere gli elettori. Non possiamo capitolare per far piacere a Berlusconi e Verdini. La rinuncia al doppio turno e la reintroduzione delle liste bloccate sarebbero una sconfitta totale e non trova il consenso della maggioranza dei parlamantari del Pd. Anche incontrare il pregiudicato Berlusconi semina sconcerto nel popolo dell'8 dicembre, anche tra coloro che hanno votato Renzi".

ALLE 16 L'INCONTRO - Si vedranno al Nazareno. Sotto un quadro con Fidel Castro e Che Guevara che giocano a golf. Oggi alle ore 16 ci sarà l'incontro tra Renzi e Berlusconi per parlare della legge elettorale nella sede del Pd. Ad annunciarlo è stato lo stesso segretario democratico, ospite delle Invasioni barbariche su La 7: "Saremo io, Berlusconi, Gianni Letta, e Lorenzo Guerini, portavoce della mia segreteria. Non so se l'ex premier è mai stato al Nazareno".

NUOVO CENTRODESTRA E SCELTA CIVICA IN RIVOLTA - Le parole di Renzi irritano i partner di maggioranza. "Non è che può trattarci come una sorta di ruota di scorta", afferma Fabrizio Cicchitto di Ncd. Sulla legge elettorale la posizione del partito di Alfano è ferma, prima occorre trovare un accordo nella maggioranza di governo e poi si aprirà il confronto con le altre forze politiche: "Se Renzi rovescia entrambe queste cose, è evidente che emergerà il nostro dissenso". Scelta Civica, invece, non accetta di essere trattata come "partitino". "Renzi non faccia il bullo", replica il segretario di Sc, Stefania Giannini, "siamo al governo in forza di tre milioni di voti e non per primarie all'italiana".

Tags:
renziberlusconilegge elettorale
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.