A- A+
Politica
Napolitano: "Imminente la fine del mio mandato"

Iniziano a delinearsi, una volta per tutte, i tempi delle dimissioni del Capo dello Stato. Non si conosce ancora la data esatta, ma di sicuro saranno presto. Non domani, ma nemmeno a primavera inoltrata come qualcuno sussurrava. E' Giorgio Napolitano in persona che entra nell'argomento, parlando di fronte ai diplomatici di tutto il mondo accreditati presso il Quirinale. Di fronte ad una platea del genere, non puo' che farlo in modo indiretto, soft, delicato.

Gettando un inciso in mezzo ad una frase dedicata ad altri concetti. "La prossima fine di questo anno 2014 e l'imminente conclusione del mio mandato presidenziale inevitabilmente ci portano a svolgere alcune considerazioni sul periodo complesso e travagliato che stanno attraversando l'Italia, l'Europa ed il mondo", sono state le sue parole. E cosi' passa al secondo capitolo del bilancio dell'anno, quello dedicato alla politica internazionale. Due giorni fa, infatti, si era concentrato sui temi della politica interna di fronte alle alte magistrature della Repubblica. A dir la verita', neanche oggi manca un esplicito endorsement nei confronti del governo.

Quella del governo e' "un'opera difficile e non priva di incognite", spiega. Per poi chiedesi immediatamente: "Ma vi potevano essere alternative per chi, come noi, crede nelle potenzialita' di questo Paese, nel ruolo che deve rivestire in Europa, negli ideali che vuole portare e nella missione di pace che vuole svolgere nel mondo?". Del resto e' in atto "un ampio e coraggioso sforzo" per "eliminare alcuni nodi e correggere mali antichi che hanno negli ultimi decenni frenato lo sviluppo del Paese e sbilanciato la struttura stessa della societa' italiana e del suo sistema politico e rappresentativo". E cosi' facendo lascia intendere che la vera considerazione da fare, in termini di politica internazionale, e' che l'Italia ha un governo che deve rassicurare i partner, europei e non solo.

Da lontano, impegnato in un vertice dell'Unione Europea, il premier Matteo Renzi raccoglie la palla e guarda avanti. Il Parlamento eleggera' il successore di Giorgio Napolitano al Quirinale "nei tempi stabiliti", assicura. "L'Italia", aggiunge, "quando dovra' fare i conti con la sostituzione del presidente della Repubblica, non avra' alcun tipo di problema, perche' credo che il Parlamento abbia imparato la lezione dell'aprile del 2013". Si', perche' parlando di "imminenti" dimissioni Giorgio Napolitano ha ufficialmente dato il via ad una competizione tra le piu' ruvide, difficili, impegnative che esistano: la scalata al Colle.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
napolitano
in evidenza
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi

CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

i più visti
in vetrina
Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C

Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C


casa, immobiliare
motori
Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici

Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.