A- A+
Politica


 

Napolitano

Prima Bersani. Poi Berlusconi, Monti, Maroni e i Governatori. Il "pellegrinaggio" dei leader politici al Quirinale per convincere Giorgio Napolitano ad accettare una ricoferma al Quirinale sta portando buoni frutti. Nonostante i ripetuti no del Capo dello Stato, vicino agli 88 anni, il Presidente si è reso conto della situazione gravissima e sarebbe pronto al sacrificio. Impossibile pensare di dare al Paese uno spettacolo indecoroso come quello delle prime quattro votazioni e della bocciatura prima di Marini e poi di Prodi. Napolitano, però, secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it, sarebbe disposto ad accettare il bis solo in cambio del via libera dei principali partiti a un esecutivo di larghe intese. Proprio quello che non voleva Bersani ma che ora, dopo la disgregazione del Pd, sembra costretto ad accettare.

AMATO PREMIER, ALFANO ED ENRICO LETTA VICE

Un Napolitano bis solo a precise e determinate condizioni. Ovvero, il via libera sin da ora alla condivisione di un governo del Presidente, guidato da una personalità dell'area di Centrosinistra - e circola il nome di Giuliano Amato - ma affiancato da due vicepremier, uno del Pdl (Alfano) e uno del Pd (Enrico Letta). Questo, secondo quanto riferiscono fonti di via dell'Umiltà, sarebbe in sintesi il contenuto del colloquio al Colle tra Giorgio Napolitano, Silvio Berlusconi, Angelino Alfano e Gianni Letta. Proprio il nome di quest'ultimo, sempre nel Pdl, viene citato come uno dei due possibili vicepremier.

E, stando ai rumors, il contraltare Pd emerso dal colloquio potrebbe essere Enrico Letta. Il Cavaliere, tuttavia, avrebbe chiesto garanzie a sua volta sulla tenuta del Pd in aula per l'elezione del nuovo Capo dello Stato. Le resistenze del Capo dello Stato, infatti, sarebbero legate alla prova non certo 'brillante' data dai partiti nell'ultimo anno e mezzo. A fronte dei suoi reiterati appelli a favore di una nuova legge elettorale e di una riforma dei partiti, infatti, nonostante le molteplici promesse la fine della legislatura passata si è conclusa con un nulla di fatto.

Altrettanti dubbi ci sarebbero stati espressi però in queste ore, ricordando come in passato né Pd né Pdl si siano voluti 'legare le mani' affiancando un loro vicepremier al governo Monti. Ora prosegue il pressing su Napolitano, sempre nel quadro più complessivo di uno schema che preveda una condivisione ampia su Colle-governo e che coinvolga le principali forze. Il Pdl, dal canto suo, avrebbe ribadito la necessità che il nuovo esecutivo non sia 'tecnico' ma politico, aprendo alla possiblità di ministri d'area, ma con pari dignità di Pd e Pdl.

Tags:
napolitano
in evidenza
Hannibal e un maggio bollente Temperature choc fino a 51 gradi

Previsioni meteo

Hannibal e un maggio bollente
Temperature choc fino a 51 gradi

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
smart e ALD Automotive collaborano per creare una piattaforma e-commerce

smart e ALD Automotive collaborano per creare una piattaforma e-commerce


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.