@Tommaso5mani

alfano 500 3@Tommaso5mani

alfano 500 3@Tommaso5mani

alfano 500 3
A- A+
Politica

Di Tommaso Cinquemani
 twitter@Tommaso5mani

alfano 500 3

Allarme rientrato. Venerdì il Pd voterà contro la mozione di sfiducia individuale indirizzata al ministro dell'Interno Angelino Alfano, al centro delle polemiche dopo l'estradizione della moglie del dissidente Kazako Mukhtar Ablyazo. La linea di partito è stata decisa in una lunga e animata riunione dei senatori democratici che si è conclusa con 80 voti a favore e 7 astenuti. In precedenza la pattuglia renziana aveva chiesto che il partito presentasse una propria mozione di sfiducia al ministro perché, a quanto dicono, ormai non più in grado di guidare un dicastero importante come il Viminale. Dopo l'incasso dell'ok la domanda che assilla il capogruppo Zanda è una sola: ci saranno franchi tiratori tra i democratici? Secondo quanto può riferire Affaritaliani.it il gruppo voterà in maniera compatta contro la mozione di sfiducia.
 
"Il partito ha deciso la linea ed è giusto rispettarla", spiega ad Affari un senatore vicino al sindaco di Firenze. Ma da qui al voto di venerdì pomeriggio molte cose potrebbero cambiare. Sembra infatti che il capogruppo democratico si vedrà nelle prossime ore con Renato Schifani per chiedere le dimissioni di Alfano dal suo ruolo di ministro. Se infatti un voto di sfiducia vorrebbe dire crisi di governo assicurata (Berlusconi lo ha detto: Alfano non si tocca), un passo indietro di Alfano non tangerebbe l'esecutivo e sarebbe un gesto apprezzato da tutti, anche all'interno del Pdl. Non si nascondono infatti i falchi, capeggiati dalla Santanché e da Fitto, che in più di una occasione hanno criticato Alfano, che ricopre tre cariche di peso: quella di vicepremier, ministro dell'Interno e segretario del Pdl.

Insomma, la diplomazia alla fine potrebbe avere la meglio, senza mettere a rischio la tenuta del governo a cui oggi il Presidente Napolitano ha offerto una mano puntellandolo. Alfano potrebbe lasciare il Viminale e mantenere la sua carica di vicepremier, lasciando il ruolo di ministro ad un altro onorevole pidiellino, magari proprio quel Raffaele Fitto che spinge per un rimescolamento dei ruoli.
 

Tags:
alfanokazakistanpdrenzizanda

i più visti

casa, immobiliare
motori
Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021

Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.