A- A+
Politica
Nicolò Pollari

I servizi segreti italiani non potevano non sapere. L'errore dei funzionari di polizia "è stato grave". E la colpa del "corto circuito" è "il pressing diplomatico eccessivo" da parte del Kazakistan, un Paese strategicamente "non trascurabile". Nella serata di Ponza d'Autore con il generale Nicolò Pollari si è parlato anche del caso di Alma Shalabayeva, la moglie del dissidente kazako Ablyazov espulsa dall'Italia con un'operazione che ha ancora tanti punti da chiarire. La vicenda "della quale leggo solo sui giornali" ha stupito per molti aspetti anche un uomo con l'esperienza di Pollari, ex capo dei servizi segreti del Sismi.

"Un Paese - ha detto Pollari sul caso Kazako - ha segnalato tramite la sua rappresentanza diplomatica un fatto parzialmente vero: che un presunto pericoloso criminale si nascondesse in Italia. C'era un'indicazione proveniente dall'Interpol. Probabilmente anche a livello europeo ci sarebbe dovuta essere una maggior sensibilità nel fornire indicazioni agli altri paesi sul fatto che un personaggio fosse un rifugiato politico. Non mi pare ci sia stata e si è creato un corto circuito. L'Italia è rimasta vittima di un pressing diplomatico eccessivo proveniente da un Paese che non è trascurabile, perché è un paese dove si fa ricerca petrolifera".

Secondo Pollari "probabilmente le autorità competenti hanno trattato molto burocraticamente questa pratica, forse non si sono interpellate. E' molto improbabile che i servizi di sicurezza non conoscessero chi potesse essere questa persona. Diversamente sarebbe singolare. Credo ci sia stato un corto circuito informativo, non lo so: capitano queste cose. Certo, è successa una cosa di una gravità inaudita".

Il caso kazako ha fatto tremare il governo e su tutti i ministri degli Interni e degli Esteri, Alfano e Bonino. Ma a pagare per ora sono state solo le forze di polizia. "Ora tutti cercano una scusa per affievolire un errore - dice Pollari - che certamente è un errore. Il pressing di quel Paese (il Kazakistan, ndr) ha un po' cloroformizzato i funzionari che invece avrebbero dovuto approfondire bene questa cosa".

E alla domanda di Gianluigi Nuzzi su quanti altri casi ci siano simili a questo, ma di cui l'opinione pubblica non è informata, Pollari ha risposto:"Penso molti. Lavorando si sbaglia. Ma questo errore è molto grave".

Francesco Giambertone
@fragiambe


http://www.ponzadautore.com/

Iscriviti alla newsletter
Tags:
nicolò pollarishalabayeva
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022

Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.