A- A+
Politica

Silvio Berlusconi, attraverso una nota, si è detto "vicino all'amico Renato Schifani, presidente del gruppo dei senatori del Popolo della Libertà, colpito dall'inaspettata decisione del Gip di Palermo che ha disposto approfondimenti istruttori su fatti che risalgono a venti anni fa, nonostante la richiesta di archiviazione sostenuta e motivata dalla procura di Palermo".

"Renato Schifani - ha sottolineato il Cavaliere - ha ricoperto nella scorsa legislatura la carica di presidente del Senato con dedizione assoluta al servizio dello Stato e con spirito al di sopra delle parti, come gli è stato unanimemente riconosciuto. Sono sicuro che sarà accertata la sua totale e incontrovertibile estraneità a qualsiasi accusa".

Commentando la notizia della richiesta di nuove indagini a suo carico, lo stesso Schifani attraverso una nota ha detto: "Dopo tre anni di indagini sulla mia persona mi sarei aspettato che il gip accogliesse la motivata richiesta di archiviazione avanzata dalla procura di Palermo e ribadita in udienza".

"Tuttavia, come ho già dichiarato, gli approfondimenti istruttori disposti dal gip - ha aggiunto - non potranno che confermare la mia totale estraneità a rapporti collusivi con esponenti mafiosi. Del resto, i collaboratori di giustizia indicati dal gip nella sua ordinanza di integrazione di indagine, nel corso di tutti questi lunghissimi anni, hanno reso numerosi interrogatori e sottoscritto protocolli di collaborazione nei quali non hanno mai fatto riferimenti alla mia persona".
 

Tags:
schifanimafia

i più visti

casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.