A- A+
Politica
Nuovo centro guidato da Rutelli. L'idea di Bettini. Ecco il piano
Francesco Rutelli

"Di un campo largo attorno a Rutelli ne ho parlato io per primo nel mio nuovo libro”, rivendica Goffredo Bettini

 

La suggestione, dopo il grande crollo: “Per aggiustare i cocci serve un buon raccoglitore”, si mormora in area terzopolista. Bruciatissimi Renzi e Calenda. E allora spunta l’usato sicuro: Francesco Rutelli. Lo scrive il quotidiano Il Foglio ripreso dal sito internet Dagospia.

“Figuriamoci. Ha messo d’accordo Prodi, Di Pietro e Bertinotti: coi politici di oggi sarebbe una passeggiata”, assicura chi lo conosce bene. Tra le file dem ci sperano: se i naufraghi di Azione-Stati Uniti d’Europa non verranno accolti dal Pd, prima o poi ci penserà il centrodestra.

“Di un campo largo attorno a Rutelli ne ho parlato io per primo nel mio nuovo libro”, rivendica al Foglio Goffredo Bettini, già guru del Pd e della stagione rossogialla di governo nonché già assessore dell’ex sindaco.

“Non mi permetto di architettare manovre al di fuori del mio partito. Ma è nell’interesse del medesimo osservare che ci sia una forza come Francesco ai margini della cosa pubblica. Va valorizzata: sarebbe un conciliante raccoglitore”. Magari non è il nome che scalda gli animi. Ma finché si tratta di raffreddarli… “Difficile interpretare adesso la reazione dei due litiganti. Però, in prospettiva, ragionando di progetto politico, perché no?”. C’è un motivo semplice, che spinge dritto verso di lui.

“Rutelli l’ha già fatto”, interviene Michele Anzaldi, suo storico portavoce poi confluito in Italia Viva. “Anche se ormai mi ritengo fuori da tutto. Ma da osservatore incoraggio questo ritorno”. Erano altri tempi, altra politica, quando Anzaldi era l’ombra del leader della Margherita. “Riuscì a compattare la non-destra in una situazione complicatissima. Non solo per numero di partiti, ma soprattutto per la qualità di quei politici”. Anzaldi ricorda i pomeriggi infiniti in Piazza Santi Apostoli.

“Con Prodi, da capo dell’Ulivo, a dialogare e mettere insieme l’impossibile: Rizzo e Di Pietro, comunisti e repubblicani. Quelle erano riunioni da paura, c’era di tutto. Rutelli li teneva tutti uniti e dava incarichi a tutti. La sua abilità dialettica di scuola pannelliana era fuori dal comune. La neonata Margherita aveva esponenti con curriculum da brivido, campioni della Dc da Mattarella a De Mita. Dall’altra parte Bertinotti, Cossutta e i populisti della prima ora. Francesco riusciva a far quadrare gli opposti come nessun altro, facendo digerire ogni divergenza”.

Il succo del discorso è chiaro. “Con l’attuale classe dirigente, Rutelli avrebbe vita facile. All’epoca assemblò una squadra straordinaria, arrivando a giocarsela contro un genio della politica come Berlusconi”. E i galli nel pollaio odierno? “Molto più malleabili di quelli che ho nominato fin qui: Rutelli ci metterebbe cinque minuti a portare Renzi, Calenda e Bonino nella stessa stanza. E farli andare d’accordo”.

Allora presto, non c’è tempo da perdere! “Se ci fosse il clima giusto, l’idea di portare avanti un chiaro progetto e un chiaro leader, sarebbe lui stesso a mettersi a disposizione”. Più prudente Bettini, che dà il Rutelli bis “al 50 e 50”.

Ma il diretto interessato invece che dice? Che fine ha fatto? Rutelli, 70 anni fra qualche giorno, si è ritirato dalla vita politica da più di un decennio. Eppure ha un gran da fare, da presidente dell’Anica (Associazione nazionale industrie cinematografiche audiovisive e multimediali). Secondo Bettini “è ben radicato nelle sue cose: ha costruito un assetto di vita confacente alle sue esigenze famigliari”.

Contattato dal Foglio, Rutelli fa sapere che in effetti è oberato da infiniti webinar, cerimonie e riunioni. Non più quelle di Piazza Santi Apostoli, però.

Prima, attorno al centro italiano, si dovranno schiarire le nubi e le idee.

“Ma Rutelli è un servitore dello stato”, osserva Ansaldi. “Quindi, se glielo si chiede, ci penserebbe. Il problema è che si muoveranno soltanto i pesci piccoli. I dirigenti dei partiti in questione non mi sembrano ansiosi di coinvolgerlo. E bisogna fare in fretta, altrimenti arriveranno le sirene del centrodestra”. È d’accordo pure Bettini.

Mi sono battuto a lungo sul campo largo. Che sia fattibile o meno, la strada Rutelli è da sondare: in Europa lo schema dell’alleanza comune contro le destre è una bipolarità in rapida diffusione”. Lo dice pure Meloni, dall’altra parte. “Dobbiamo farlo anche noi, restaurando la forma della democrazia ai tempi di Berlusconi”. E di Rutelli
 






in evidenza
William e Kate, aria di divorzio. Crisi per la malattia della duchessa

Forti tensioni a Palazzo

William e Kate, aria di divorzio. Crisi per la malattia della duchessa


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
My CUPRA App: la ricarica elettrica diventa più semplice

My CUPRA App: la ricarica elettrica diventa più semplice

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.