A- A+
Palazzi & potere
Corte europea di Giustizia: "Intercettazioni solo in casi gravi"

La sentenza della Corte europea di Giustizia è clamorosa e potrebbe avere ripercussioni su migliaia di processi in Italia. La custodia dei verbali di intercettazione telefonica e di dati ora è infatti vietata in tutti i casi di reato lieve, quando la gravità sia esclusa. La Corte Europea, riunita in quella che va sotto il nome di Grande Sezione, il 2 marzo ha pronunciato la sua sentenza assolutoria: è vietato alla magistratura inquirente ricorrere per reati di lieve entità a intercettazioni rimaste a lungo nella disponibilità degli inquirenti, scrive il Riformista.

Non solo. Tutte le intercettazioni che, non costituendo immediatamente riprova di minacce gravi alla sicurezza pubblica, sono rimaste per anni nella disponibilità dei magistrati, costituendo una indebita violazione del diritto alla privacy, dovranno essere distrutte.  

La Corte Costituzionale quindi dovrà adeguarsi alla sentenza della Corte di Giustizia europea, essendo essa fonte del diritto primaria. Una sentenza che è una vera e propria "bomba" sul sistema della idoneità e della conservazione dei tabulati presso gli inquirenti stessi. Si legge: “La circostanza che il pubblico ministero sia tenuto ad agire solo in base alla legge e al suo convincimento non può essere sufficiente per conferirgli lo status di terzo rispetto agli interessi in gioco”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    giustiziacorte europea di giustiziaintercettazioni
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    Renault e Mathieu Lehanneur presentano il concept-car della mitica R4

    Renault e Mathieu Lehanneur presentano il concept-car della mitica R4


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.