A- A+
Palazzi & potere
Si scrive Job's Act si legge precariato: precari più di 2 contratti su 3

Migliora l'occupazione. Non la sua qualità. L'80% dei nuovi contratti, rivela l' Inps, non è a tempo indeterminato. E la quota di occupati a termine sul totale dei dipendenti, dice l' Istat, è in crescita continua dalla fine del 2013, una curva che sale quasi ininterrotta, e ora è sopra al 15%.


I dati Inps e Istat non sono in contraddizione, scrive Repubblica. È vero, come dice il premier, che il tasso di occupati torna al 2008, prima della grande crisi. Ma è anche vero che le assunzioni, che pure avanzano, sono per lo più precarie, obbiettivo opposto a quanto si riprometteva il Jobs Act. L' Istat misura le "teste", quanti occupati e disoccupati nel periodo in esame. L' Inps calcola i contratti: e un singolo lavoratore può averne più d' uno in quel lasso di tempo. Insomma l' Istat ci dice quanti lavorano e quanti no. L' Inps in che modo: a tempo determinato, indeterminato, stagionali, apprendisti.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
job's actprecaridisoccupazione
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.