A- A+
Politica
Pd, Bonaccini al posto di Zingaretti? Ex renziani all'assalto dopo il voto

Conto alla rovescia nel Partito Democratico in vista delle elezioni regionali del 20-21 settembre. Se sul referendum confermativo del taglio dei parlamentari ormai non ci sono dubbi che a maggioranza la direzione nazionale voterà lunedì prossimo il sostegno al Sì, è la sfida amministrativa a preoccupare i Dem. Ufficialmente si ostenta sicurezza e ottimismo con deputati e senatori che prevedono un sostanziale pareggio, un 3 a 3 con il Centrosinistra in grado di tenere oltre alla Campania anche la Toscana e la Puglia. Ma dietro le quinte si scrutano gli ultimissimi sondaggi, sia quelli pubblici sia quelli riservati, cercando di capire effettivamente se ci sarà il trionfo dell'opposizione di Centrodestra sbandierato quotidianamente da Salvini e Meloni. L'appuntamento con le urne è particolarmente insidioso per Zingaretti perché il combinato disposto di referendum e Regionali rappresenta una mina potenzialmente devastante.

Su un punto ci sono pochi dubbi tra i parlamentari Dem, più o meno di tutte le anime e le correnti: in caso di clamorosa vittoria del No al referendum sul taglio degli eletti e di successo 5 a 1 del Centrodestra alle Regionali, con il Pd che tiene solo la Campania grazie a De Luca, le dimissioni irrevocabili del segretario sarebbero inevitabili e praticamente certe. Se invece finisse con il Sì alla riduzione del numero dei parlamentari che vince ma non sfonda (non oltre il 60%) e con un bilancio su sei Regioni (Valle d'Aosta esclusa) di 4 a 2 o 5 a 1 per il Centrodestra (Toscana e Puglia ancora in bilico) a quel punto partirebbe l'assalto alla segreteria di Zingaretti con la richiesta di un congresso straordinario e nuove primarie.

A guidare l'affondo contro il presidente della Regione Lazio è l'asse tra il Governatore dell'Emilia Romagna Stefano Bonaccini e gli ex renziani Dem, ovvero Andrea Marcucci, capogruppo al Senato, Lorenzo Guerini, ministro della Difesa, e Anna Ascani, sottosegretario all'istruzione. Non solo, tra gli anti-Zingaretti anche l'ex segretario Maurizio Martina, Gianni Cuperlo (unico membro della segreteria schierato per il No al referendum) e Matteo Orfini, sempre più spostato verso posizioni di sinistra (specie sul tema immigrazione). Nel Pd si aprirebbe quindi uno scontro che avrebbe anche ripercussioni sul governo con nuove tensioni sia con i 5 Stelle sia con Italia Viva. I tempi di un eventuale congresso straordinario sarebbero gennaio-febbraio del prossimo anno e comunque prima dell'inizio del semestre bianco.

Per diventare segretario, Bonaccini, oltre agli ex fedelissimi di Renzi, deve convincere anche Graziano Delrio e l'area che fa capo a al ministro Franceschini. I due, al momento, stanno con Zingaretti ma è evidente che se la linea del leader venisse sconfessata nelle urne, sia con il referendum sia con le Regionali, a quel punto Bonaccini potrebbe essere la soluzione condivisa. Da vedere poi come sarebbero i rapporti con i 5 Stelle visto che in Emilia Romagna non si trovò nessun accordo. Tutto passa dall'esito dello scrutinio di lunedì 21 settembre.

Loading...
Commenti
    Tags:
    zingaretti pd regionali referendum
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mirafiori, il più grande complesso di FCA nel mondo

    Mirafiori, il più grande complesso di FCA nel mondo


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.