A- A+
Politica

Alla fine lo pensavamo in tanti. Quell'immagine in streaming di Bersani seduto alla scrivania di fronte alla Lombardi e Crimi, con una mano che gli regge la testa mentre li ascolta, ci trasmetteva l'idea di un leader disposto a tutto pur di fare un governo con loro. Loro che rispondevano: "pensavamo di essere a Ballarò"  e lui che non reagiva, o quasi. Un Bersani umiliato, diceva Renzi. Che passava il tempo a rincorrere i grillini che lo sbeffeggiavano. Quasi come un innamorato testardo e continuamente respinto. Mentre loro, i grillini, supponenti, continuavano a dire no. Insomma: il Pd, buono, che vuole fare il governo insieme e il M5S, cattivo, che dice no.

Bene. Non è andata proprio così. Un'affermazione spontanea, quasi innocente, di Marina Sereni del Pd, ospite lunedì sera a Porta a Porta ha capovolto la scena. "L'idea, ha detto la Sereni, non era quella di fare un governo con il M5S, ma di chiedere al M5S di consentire che nascesse un governo di Centrosinistra."Boom!

Allora forse bisogna ridiscutere chi è il buono e chi è il cattivo. Allora forse il Pd deve farsi un ulteriore esame di coscienza. Perché mail il M5S avrebbe dovuto accettare una proposta così assurda? Perché avrebbe dovuto aiutare un partito che, non avendo la maggioranza assoluta al Senato, voleva imporre il suo programma senza condividere una proposta di governo?  Ora diventa tutto più chiaro. Come le proteste del M5S, che a quel punto ha risposto pan per focaccia, imponendo a sua volta Rodotà per la presidenza della repubblica. Un esempio di assoluta incomunicabilità, provocato, però, in questo caso, dal partito che era di Bersani.

Il Pd insomma, non avendo i numeri, chiedeva a Grillo di aiutarlo a governare, pensando di sedurlo con il progetto sul conflitto di interessi. Ma nient'altro di più. Non una mediazione, non un governo insieme, non una condivisione dei programmi. Almeno con il Pdl è stato più generoso, proponendo la convenzione per le riforme!

Certo, ormai è acqua passata. Il Governo Letta è partito e, per il bene del Paese, gli auguriamo ogni bene. E magari il M5S avrebbe detto no, allo stesso modo, anche a una proposta di governo insieme.

Ma tra gli errori macroscopici del Pd bisogna aggiungere anche questo.  Un bel po' di presunzione che lo ha portato a una proposta assurda, irricevibile da un partito che per pochissimi voti non era arrivato primo. E che, dopo, inevitabilmente, lo ha fatto pesare.

Di Adriana Santacroce
 

Tags:
pdlettanapolitano
in evidenza
Ludovica Pagani incanta Cannes Forme mozzafiato e abito Missoni

Il suo look infiamma la Croisette: FOTO

Ludovica Pagani incanta Cannes
Forme mozzafiato e abito Missoni

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler

Scatti d'Affari
Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler


casa, immobiliare
motori
Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze

Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.