A- A+
Politica
prodi

"Ho definitivamente lasciato la vita politica italiana". Lo ribadisce in una lettera al Corriere della Sera, Romano Prodi, mettendo la parola fine su eventuali sue posizioni "relative alla vita interna del Partito Democratico" e augurandosi che "anche chi e' stato sconfitto nei due confronti diretti, possa meditare sul fatto che non dovrebbe essere solo la mia gara a una fine". Prodi ricorda infatti di aver "affrontato due sfide importanti battendo un opponente politico che ritenevo e ritengo non idoneo al governo del Paese. Ho cercato di portare avanti una cultura politica moderna e solidale di cui l'Italia ha molto bisogno. Una battaglia non solo politica ma etica e culturale. Credo che questi stessi obiettivi abbiano oggi bisogno di nuovi interpreti anche se, nel corso dei due periodi del governo da me presieduto, ci si e' a essi avvicinati senza danneggiare ma anzi, migliorando sensibilmente il prestigio internazionale e la situazione debitoria del Paese".

Prodi, riferendosi al Pd, ha detto di conservare "non solo un senso di gratitudine ma anche numerose e salde amicizie. Tuttavia - spiega - in politica come nello sport e' preferibile scegliere il momento in cui finire il proprio lavoro, prima che venga deciso da altri. Questi sono anche i motivi per cui senza polemiche, ho tralasciato di ritirare la tessera del Pd il cui rinnovamento e rafforzamento sono tuttavia essenziali per il futuro della nostra democrazia".

Tags:
pdprodipolitica
in evidenza
Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

Meteo previsioni

Aria fredda polare sull'Italia
Fine maggio da... brividi

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler

Scatti d'Affari
Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler


casa, immobiliare
motori
Nuovo ŠKODA KAROQ: design più raffinato e miglior efficienza

Nuovo ŠKODA KAROQ: design più raffinato e miglior efficienza


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.