A- A+
Politica
berlusconi

Silvio Berlusconi è rientrato a Roma e, nonostante mal digerisca le 'processioni' a palazzo Grazioli, sara' impossibile evitare il via vai di pidiellini pronti a suggerire al 'capo' la miglior soluzione per risollevare il partito dalla debacle delle amministrative. Tra le tante ricette, rispunta anche l'ipotesi - per la verita' mai del tutto abbandonata dal Cavaliere - di far risorgere dalle ceneri Forza Italia. Magari lasciando in piedi la struttura del Pdl, ma relegandola a una sorta di contenitore.

Ipotesi di cui si e' iniziato a parlare un secondo dopo lo choc dei ballottaggi e che una nota di Palazzo Grazioli ha prontamente smentito. La precisazione, tuttavia, e' alquanto vaga: nessun riferimento esplicito all'intenzione dell'ex premier di rimettere mano al partito. Di certo, viene spiegato, qualche 'aggiustamento' sara' necessario, ma Berlusconi per ora non intende toccare la casella del segretario: Alfano resta al suo posto. Cosi' come, a differenza di quanto chiedono diversi pidiellini, falchi in testa, non dovrebbero esserci grossi stravolgimenti nell'assetto della governance.

Tuttalpiu', riferiscono alcune fonti di via dell'Umilta', potrebbe essere ripristinata la 'troika', affiancando ai due attuali coordinatori Verdini e Bondi una terza figura: circolano i nomi di Daniela Santanche' e Raffaele Fitto, ma non vi e' alcuna conferma ufficiale. Anche perche', il Cavaliere ha si' ascoltato in queste ore le lamentele e i consigli dei malpancisti piu' agguerriti nel pressing sul cambio di rotta, ma si e' guardato bene dallo svelare le sue reali intenzioni. Fatto sta che prima Cattaneo poi Santanche' - entrambi ieri hanno visto il Cavaliere ad Arcore - rivelano che ci sara' un annuncio a breve. E forse qualche dettaglio in piu' si conoscera' domani, quando l'ex premier riunira' i vertici del partito.

Che il Pdl, cosi' com'e', non soddisfi affatto Berlusconi non e' certo un segreto. Il Cavaliere, gia' prima della nascita del governo Monti e delle elezioni politiche poi, aveva piu' volte manifestato la sua disaffezione per la creatura nata dal predellino: non ha mai scaldato i cuori dei nostri elettori, andava ripetendo. Cosi' come il nome, per Berlusconi, si era rivelato poco attrattivo. Ma poi ogni tentativo di resettare il partito era stato bloccato dalle forti divisioni interne tra ex Fi ed ex An. Ora, pero' - viene sottolineato - che la componente di destra si e' drasticamente ridotta, Berlusconi sarebbe tornato ad accarezzare l'idea di far rivivere i fasti azzurri, anche se - garantiscono alcuni fedelissimi del Cav - si tratta solo di un'idea, un'ipotesi, nulla di deciso e potrebbe anche finire che non se ne fara' nulla almeno fino alle europee del 2014, o comunque finche' la situazione processuale del Cavaliere non si sara' chiarita e, comunque, viene spiegato, nulal sara' fatto se potrebbe ripercuotersi negativamente sulla tenuta del partito e, di conseguenza, del governo, che al momento Berlusconi continua a non voler mettere in discussione.

Certo e' che l'operazione restyling potrebbe questa volta risultare piu' agevole, osservano alcuni pidiellini, vista la spinta che arriva da una larga fetta del partito, che tuttavia torna a spaccarsi tra falchi e colombe, ovvero tra chi spinge per un cambiamento radicale e chi, invece, punta solo a un maggior radicamento sul territorio, senza modificare gli assetti attuali. E di fatti le resistenze non mancano. Il piu' duro e' Fabrizio Cicchitto, che avverte: "La definizione di un modello di partito non puo' essere realizzata attraverso un'operazione del tutto verticistica, senza alcun confronto collegiale e collettivo". Se invece dipendesse da Galan e Biancofiore si tornerebbe quanto prima a Forza Italia. Sandro Bondi frena: "Smettiamola una volta per tutte con la pantomima dei falchi e delle colombe, la nostra debolezza non e' l'attuale dirigenza del partito".

Tags:
forza italiaberlusconipdl

i più visti

casa, immobiliare
motori
Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021

Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.