A- A+
Politica
Pensioni? Meloni prova a lanciare un nuovo patto sociale

La tecnica doveva rendere la vita più semplice e leggera e, al contrario, sembra porci in uno stato di incertezza e difficoltà


Avremo mai una pensione? Questa è la domanda di molti giovani senza un lavoro con contratto a tempo indeterminato, precario e spesso con un futuro incerto. Calo demografico e crisi assieme a inflazione e guerra impongono incertezza e paura di un futuro sempre più inquietante. Poi aggiungiamoci gli annunci di una intelligenza artificiale pronta a “rubarci” il lavoro e il gioco è fatto. La tecnica doveva rendere la vita più semplice e leggera e, al contrario, sembra porci in uno stato di incertezza e difficoltà tale per cui depressione, ansia e vuoto esistenziale  in continuo aumento impongono domande su quale futuro stiamo costruendo. 
Una prospettiva c'è, e passa da una visione per cui la vita torni a essere di tipo comunitario e non individualistico, partiamo dalla questione delle pensioni e cerchiamo di capire se ci sono altre soluzioni per il governo Meloni oltre ad alzare l'età pensionabile. Partiamo dalla realtà: siamo in crisi economica, le famiglie sono spaventate per il futuro dei figli che, come ci dicono i dati, sono “bloccati” in casa per gli alti costi (il caro affitti, per esempio).
La crisi occupazionale è in continuo aumento e la risposta del governo è quella di aumentare l’età per andare in pensione. E se ci fosse un’altra strada? Torniamo a guardare la società come una grande comunità dove tutto è interconnesso e lanciamo un patto tra stato, aziende e lavoratori. Siamo convinti che per uscire dalla crisi e risolvere alcuni problemi vada cambiata la logica con cui sino ad oggi si è proceduti.
L’idea è questa: lasciamo la scelta a una persona in procinto di andare in pensione di potere restare in azienda a metà orario mantenendo lo stesso stipendio, quindi maggiore della pensione che riscuoterebbe. L'azienda mantiene un suo lavoratore preparato senza pagargli i contributi che andrebbero a coprire l'assunzione di un giovane da affiancare all'anziano. 
I vantaggi? Lo stato risparmia sulla pensione, quindi non ha costi. Il lavoratore anziano resta attivo e produttivo ricevendo una somma maggiore di quella che riceverebbe da pensionato. L’azienda non subirebbe la mancanza di una persona esperta durante il passaggio di consegne ad un giovane lavoratore. Si abbatterebbe la disoccupazione giovanile dando speranza di un futuro migliore a giovani e famiglie. 
Tutta la società ne trarrebbe vantaggio perchè sono i ragazzi che spendono maggiormente e quindi si contribuirebbe ad aumentare i consumi. Un nuovo patto sociale, un nuovo approccio e forse un po’ di coraggio. Iscriviti alla newsletter

Tags:
pensioni meloni





in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


in vetrina
Carrà, in vendita la villa all'Argentario. Prezzo (quasi) accessibile. FOTO

Carrà, in vendita la villa all'Argentario. Prezzo (quasi) accessibile. FOTO


motori
Alpine Endurance Team alla 24 Ore di Le Mans: test day cruciale

Alpine Endurance Team alla 24 Ore di Le Mans: test day cruciale

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.