di Patrizia Toia, europarlamentare Pd, Vicepresidente del gruppo S&D

www.facebook.com/ToiaPatrizia

twitter: @toiapatrizia


 

2013-12-19T18:11:15.993+01:002013-12-20T08:11:00+01:00truetrue1356116falsefalse6Politica/politica4131209913562013-12-19T18:11:17.447+01:0013562013-12-20T15:17:58.14+01:000/politica/per-l-europa-del-lavoro-contro-la-povert191213false2013-12-20T09:28:38.333+01:00312099it-IT102013-12-20T08:11:00"] }
A- A+
Politica
patrizia toia
 

 

Per l'Europa questo è il tempo di scelte decisive e cruciali e tutti i cittadini dei diversi Stati membri saranno chiamati ad esprimersi. La scelta è tra il rafforzamento dell'Europa, da un lato, perché abbia gli strumenti per essere motore di crescita e di lavoro e, dall'altro, l'illusione di un ritorno alla sovranità dello Stato nazionale che sarà inevitabilmente più debole ed isolato.

Non ho dubbi che la scelta giusta da fare sia la prima: credere nell'Europa è pretendere, però, da essa, più socialità per combattere la povertà, più investimenti per la crescita, più centralità per il lavoro dei giovani e dei meno giovani e, in particolare, per le donne, più conciliazione tra famiglia e lavoro e politiche di inclusione.

Le tesi populiste che fanno immaginare nell'uscita dall'euro e nello sganciamento dall'Europa la strada felice sono come le sirene ingannatrici e possono creare problemi molto gravi perché le economie nazionali non hanno futuro in un mondo già molto integrato.

Ma deve essere chiaro che dobbiamo guidare noi l'Europa e non essere seguaci troppo remissivi. In effetti potremo guidarla proprio noi nel 2014, nel semestre europeo di Presidenza italiana e cogliere l'occasione per dettare le priorità: il lavoro, la reindustrializzazione, il rispetto pieno dei diritti dei cittadini.

In questi mesi l'Europa ha stanziato, nel bilancio dei prossimi 7 anni, molte risorse su programmi strategici che potranno essere, per i Paesi, la vera molla per la crescita: Horizon per la ricerca, le PMI e le sfide sociali e ambientali (77 miliardi), i fondi di coesione per le politiche regionali e il fondo sociale europeo per la formazione professionale (in totale 325,1 miliardi per l'Europa e 30 per l'Italia), l'agenda digitale e le infrastrutture, il programma COSME per le PMI, Erasmus per i cittadini e gli studenti, fondi per l'inclusione sociale e la lotta alla violenza contro le donne e molto altro.

Ora tocca agli attori nazionali, Governo e Regioni, alle imprese e alle università, usare pienamente queste risorse con progetti adeguati ed efficaci per un vero sviluppo sostenibile dei territori. Io voglio immaginare un futuro positivo e una capacità di riscossa per i nostro Paese. Con questo pensiero di speranza formulo a tutte e a tutti, cittadini europei ed italiani un sentito augurio natalizio.

logo sd 500
 


di Patrizia Toia, europarlamentare Pd, Vicepresidente del gruppo S&D

www.facebook.com/ToiaPatrizia

twitter: @toiapatrizia


 

Tags:
europapdlavorotoia
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli

Scatti d'Affari
Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli


casa, immobiliare
motori
Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati

Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.