A- A+
Politica

Di Tommaso Cinquemani

monti casini

Dopo undici anni di lotta politica, alcuni passati al governo, molti altri all'opposizione, l'Udc potrebbe essere arrivata al capolinea. Secondo quanto Affaritaliani.it è in grado di rivelare all'interno del partito si stanno scontrando due correnti contrapposte in vista del Congresso del 30 ottobre. La prima, minoritaria, vorrebbe mantenere l'identità del partito, per evitare di perdere il patrimonio di voti accumulati in questi anni. Ma anche per evitare problemi con i rimborsi elettorali e con la presentazione del nuovo simbolo.

Già, il nuovo simbolo. Perché l'altra corrente, sostenuta da tutti i big, non ha alcuna intenzione di sciogliere il partito per scomparire nel nulla, anzi. Il progetto è ben più ampio e ambizioso. Secondo alcuni il movimento guidato da Pierferdinando Casini dovrebbe sciogliersi per entrare in un nuovo soggetto politico che abbia i tratti del popolarismo europeo. ''Il nostro progetto è il Ppe italiano. Il nostro futuro è lì, in un partito più grande e capace di andare oltre i confini di uno Stato", ha detto Lorenzo Cesa, segretario del partito. "L'area moderata deve rapidamente trovare il suo nuovo assetto: dobbiamo tornare a essere un porto sicuro per la maggioranza degli italiani".

Una fusione, ma con chi? Della partita sarebbero di sicuro una buona parte dei senatori e dei deputati di Scelta Civica. L'addio di Mario Monti, secondo molti, è dovuto proprio a questo movimento di avvicinamento. Gli sherpa si sono già fatti avanti: si tratta di Mario Mauro (che intrattiene rapporti stretti con Cesa e Alfano). Ma anche Aldo Di Biagio, ex Fli, Lucio Romano, ex Udc, e Gabriele Albertini, storico sindaco di Milano. Ma non solo. Anche una buona fetta delle colombe del Pdl ci starebbe, ma ha il terrore di uscire dal Pdl per scomparire nel nulla. E anche gli ex popolari del Pd guardano con interesse al nuovo soggetto.

 twitter@Tommaso5mani

LA NOTIZIA

"Non c'e' una spaccatura tra me e Monti ma tra Monti e il resto del mondo". Lo ha detto Pier Ferdinando Casini a Porta a porta.

"Tutti in Europa stanno concentrandosi sul pubblico impiego. Ma qui ci sono 220mila precari, gente in carne e ossa che sono stati nella pubblica amministrazione con contratti a tempo indeterminato e a cui bisogna fare, come ha previsto questo governo, dei concorsi riservati". Lo ha detto Pier Ferdinando Casini a Porta a Porta. "Il governo sta cercando di rimettere un po' d'ordine in questo comparto", ha aggiunto Casini.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
monticasinicesa
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Kia svela la nuova generazione della Niro

Kia svela la nuova generazione della Niro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.