A- A+
Politica

 

 

Matteo Renzi (1)

Un vero e proprio discorso alla nazione, canovaccio di quella che sara' la sua mozione congressuale. Matteo Renzi sta lavorando in queste ore con i suoi piu' stretti collaboratori all'intervento che fara' sabato pomeriggio alla fiera del Levante di Bari, inizio ufficiale della campagna elettorale per la segreteria del Pd. "Bari sara' la prima tappa di un viaggio che sara' a forma di freccia e che provera' a risvegliare entusiasmo e partecipazione ma basandosi sulla concretezza di chi proviene da un'esperienza amministrativa", ha spiegato questa sera. Il sindaco di Firenze dovrebbe puntare su quelli che sono tre grandi squilibri del Paese: la bassa crescita, l'aumento delle disuguaglianze e l'assetto istituzionale. Fino a oggi, i tre temi sono stati aggrediti singolarmente. Per 'cambiare verso', come si ripropone di fare Renzi, bisognera' affrontare le questioni tutte insieme.

L'ormai ex rottamatore declinera' dunque quelle che sono le strategie per dare una nuova rotta all'Italia e c'e' da scommettere che puntera' sui temi a lui piu' cari, dalla scuola all'innovazione, dalle riforme istituzionali alla legge elettorale. E proprio sul superamento del Porcellum ha preannunciato questa sera "una proposta chiara e netta". E mentre Renzi e' impegnato sul lancio della campagna elettorale, a Roma i suoi lavorano per mostrare anche plasticamente il consenso di cui il sindaco gia' gode tra i parlamentari. Sia alla Camera sia al Senato, e' partita la raccolta di firme in sostegno alla candidatura. Gia' una sessantina i deputati ha messo la propria sigla sui moduli, ma mancano ancora una ventina di renziani di stretta osservanza. E si punta sui lettiani: "Dov'e' Francesco Sanna che ha annunciato che votera' per Renzi?", scherzava oggi un deputato. Cinquanta le firme tra i senatori, tra cui vecchi renziani come Andrea Marcucci e nuovi come Nicola Latorre.

Area democratica ha messo insieme, da sola, le firme di un'ottantina di parlamentari tra cui quella del ministro Dario Franceschini. Nonostante il sostegno ampio di cui gode ormai nel partito, resta l'incognita del risultato delle primarie. Se infatti si da' per scontato un ampio consenso popolare, qualche dubbio c'e' su come si orienteranno gli iscritti, con Pippo Civati dato in crescita nei sondaggi e Gianni Cuperlo che ha l'appoggio della sinistra del Pd. Prima dell'8 dicembre ci saranno i congressi territoriali e da li' si avra' un quadro un po' piu' preciso. Dovrebbero invece slittare a dopo le primarie anche i congressi delle regioni commissariate come Calabria e Sardegna; la commissione sarebbe orientata a non concedere deroghe. Se poi il timone del Pd passera' a Renzi, nessun timore di logoramento, ha assicurato un fedelissimo della prima ora. Anzi. "Vi stupira', sara' un grande segretario del Pd, magari anche piu' bravo come leader del partito che come premier...", ha scherzato. E sulla ventata di novita' che portera' Renzi ha insistito Antonio Funiciello in un articolo per Mondoperaio. "E' l'outsider per definizione. E s'incarica di ristrutturare lo strumento partito in funzione degli outsider che verranno dopo di lui", ha assicurato, "non che Renzi non coopti". Ma coopta "in funzione di un disegno strategico", ha sottolineato, "figlio dei suoi tempi, coopta a tempo determinato, coopta a progetto". E tra i 'cooptati' c'e' Stefano Bonaccini, ha confermato, che coordinera' la campagna. Il fidatissimo Luca Lotti si occupera' delle primarie fra gli iscritti. A Maria Elena Boschi il compito di organizzare la nuova edizione della Leopolda.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pdrenzinazione
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.