A- A+
Politica
Puglia, i fittiani contro Vitali: “Dice minchiate, se ne vada”

Sembrava che la nota di Luigi Vitali fosse il prologo di un accordo tra i fittiani  e i vertici di Forza Italia. Vitali infatti ha annunciato che verranno ricandidati tutti i consiglieri regionali uscenti così come chiesto da Fitto e Schittulli, ma ai fittiani questo non basta, anzi. Nicola Ciracì, parlamentare di Fi vicinissimo al leader dei “Ricostruttori”, intervistato da Affaritaliani.it, attacca Vitali su tutta la linea e invoca un intervento di Berlusconi per districare la matassa: "La cosa sicura è che non c'è nessun accordo. Non stiamo parlando di 4 amici in Puglia. Vitali sono settimane che dice minchiate e vuole usare il suo ruolo per vendette personali. Oggi  è isolato: in Puglia non gli si avvicina più nessuno perché è politicamente appestato”.  Volete le sue dimissioni? “No, dovrebbe essere lui ad andarsene”.

Vitali ha ceduto: ricandiderà i consiglieri regionali uscenti così come chiesto da Fitto e Schittulli. L’accordo è fatto?
"La cosa sicura è che non c'è nessun accordo. Non stiamo parlando di 4 amici in Puglia. Quello che dice Vitali a me interessa ben poco. Prendiamo atto che la voglia di Vitali di non candidare  i consiglieri regionali uscenti  è stata considerata perdente perfino dai vertici di Fi. Vitali sono settimane che dice minchiate e vuole usare il suo ruolo per vendette personali. Oggi  è isolato: in Puglia non gli si avvicina più nessuno perché è politicamente appestato. Ha distrutto in poche settimane tutto quello che di importante è stato fatto dal popolo azzurro. Lui non ha nessun potere,  ha nominato commissari che statutariamente non esistono. E' un millantatore politico”.

Vitali è stato voluto proprio da Berlusconi
"Noi però non abbiamo mai messo in dubbio che il partito è Berlusconi. Questo non vuol dire che il partito sia privo di uno statuto e di regole. Fino ad oggi, quando Forza Italia ha parlato di candidature, l’ha fatto trovando degli accordi con i maggiori esponenti di partito dopo averne discusso. Questa è la prima volta che Forza Italia è stata commissariata in piena campagna elettorale. Commissariamenti fatti contro lo statuto, non sono stati riconosciuti dei congressi cittadini legittimi. In sostanza  è stata sbattuta la porta in faccia al 100% degli iscritti. Vitali voleva non ricandidare i consiglieri regionali uscenti  sulla base della simpatia o antipatia, o peggio ancora perché avevano più voti".

Che cosa dovrebbe fare Vitali?
"Nessuno chiede le sue dimissioni perché sono irrilevanti: dovrebbe essere lui ad andarsene:  ormai è un ostacolo per tutti. Dopodiché è ovvio che stiamo lavorando insieme per chiudere una partita che sia il più inclusiva possibile e sempre in Forza Italia. Il problema in generale è che Fi è ridotta a percentuali drammatiche, ci vuole uno scatto di reni di Berlusconi e di tutti noi.  Non vogliamo morire renziani”.

Emiliano, candidato del Pd, ha la vittori in tasca?
"E' Vitali che gli sta regalando la vittoria,  è il suo sponsor principale. Ha distrutto il Centrodestra e Forza  Italia. Vitali è un pirata della politica. Il suo sogno era quello di essere candidato al posto di Schittulli. Se lui avesse avuto intenzioni sincere  avrebbe dovuto essere il primo a candidarsi alle Regionali e a guidare le liste. Invece è stato il primo a scappare. Vitali è l'uomo della sconfitta: ha perso dappertutto”.

Daniele Riosa (@DanieleRiosa)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pugliafittovitaliberlusconiregionaliciracì
in evidenza
Usa, i Maneskin incantano ancora Show al Saturday Night Live

Il programma più seguito negli States

Usa, i Maneskin incantano ancora
Show al Saturday Night Live

i più visti
in vetrina
Sabrina Salerno in grande forma, social in estasi: "Fisico da ventenne". FOTO

Sabrina Salerno in grande forma, social in estasi: "Fisico da ventenne". FOTO


casa, immobiliare
motori
Parte a Empoli Mobilize Share, il nuovo servizio pubblico 100% elettrico

Parte a Empoli Mobilize Share, il nuovo servizio pubblico 100% elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.