A- A+
Politica
Alla vigilia del voto della Giunta per le autorizzazioni del Senato sulla decadenza di Silvio Berlusconi, Gaetano Quagliariello tentò di far rinviare tutto con un valida scusa "umanitaria": la tragedia di Lampedusa. "Se posticipassi di qualche giorno, faresti un figurone con tutti", disse il ministro al presidente Dario Stefàno, di Sel. Che però rifiutò la "gentile offerta di bella figura".

Ecco come racconta l'episodio lo stesso Stefàno, in un libro appena pubblicato insieme alla giornalista dell'Ansa Anna Laura Bussa ("La decadenza", Manni Editori), che verrà presentato giovedì pomeriggio alla libreria Arion di Montecitorio.

"Affrontata la parte "burocratica", torno in ufficio per rileggere la relazione in vista di domani. Sono concentratissimo ma mi arriva una telefonata alquanto inaspettata. È il centralino di Palazzo Chigi che mi passa il ministro per le Riforme Gaetano Quagliariello. Mi parla della tragedia di Lampedusa, con oltre 300 migranti morti, e mi chiede se fosse possibile rinviare di qualche giorno la seduta fissata per l'indomani. La sciagura è enorme, avverte, tanto che alle 17.30 il Consiglio dei ministri ha deciso di proclamare il lutto nazionale. Mi assicura che questa "non è una scusa, né altro...".

"Ma se posticipassi di qualche giorno - insiste - faresti un figurone con tutti, opposizione compresa, perché sarebbe un gesto di solidarietà verso le vittime di un disastro di vaste dimensioni". Io non sono convinto e gli dico chiaramente che secondo me verrebbe letta come una scusa e basta. Ma lui non molla: "Premesso che qualsiasi cosa deciderai per me andrà bene - ribatte - io ho apprezzato come ti sei mosso sin qui. Tutti ti riconoscono grande equilibrio. Nessuno dei nostri te l'ha chiesto, però sono convinto che se tu rinviassi riceveresti giudizio e apprezzamento unanime".

E io gli rispondo: "A me sembra una cosa insostenibile. Comunque fammi vedere se ci sono dei margini, ti richiamo". Regolamento alla mano capisco che la soluzione prospettata da Quagliariello sarebbe insostenibile. Un differimento è possibile solo per "cause di forza maggiore. Poi, sempre il caso vuole che vicino al Senato incontri il ministro dell'Istruzione, Maria Chiara Carrozza, che mi spiega come ci si sarebbe comportati nelle scuole per il lutto nazionale: si fa un minuto di raccoglimento all'inizio e poi si comincia la lezione come al solito.
 
Chiamo dunque il presidente Grasso per sentire cosa ne pensi. E il giudizio, anche questa volta, è concorde con il mio: un minuto di silenzio e commemorazione iniziale, ma nessun rinvio, perché il Regolamento è chiaro. Così telefono a Quagliariello per spiegargli il motivo della mia decisione di non far slittare la seduta".

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pdlberlusconi
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz EQB: l’elettrica con la Stella è anche sette posti

Mercedes-Benz EQB: l’elettrica con la Stella è anche sette posti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.