A- A+
Politica
Quirinale, Emma Bonino e quei due nomi di cui non si vuole parlare

 

Di Dario Tiengo

Ormai siamo entrati in pieno nella fase del toto Presidente per la successione di Napolitano al Quirinale. Impazzano le previsioni e si formano i giudizi di opportunità più disparati. Facciamo alcune riflessioni anche alla luce di dati ravvolti nei vari corridoi della politica.:

Presidente non politico. In questo momento in cui la politica necessità di un “guidatore” che ne sappia interpretare le dinamiche non è credibile.

Draghi. Potrebbe essere una figura di riferimento ma si pensa che “meglio che stia lì dov’è”

 Prodi. Non se ne parla. Un conto è che Renzi lo “usi” per conti di politica interna al Pd e per provocare Berlusconi, altro conto che sia una candidatura reale. I ragionamenti ci stanno pure ma forse per primo Renzi, non l’ha messo fra i papabili.

 Rodotà. Ormai è un nome bruciato dalla scorsa elezione e sembra poi che non sia più propenso a entrare nella bagarre.

 Finocchiaro. Essendo donna avrebbe chance in più ma viene percepita come troppo schierata

Castagnetti. Potrebbe essere un riferimento ma è da troppo tempo ai margini e non sembra avere il profilo richiesto

 Veltroni. Anche lui ai margini anche se potrebbe avere caratteristiche compatibili. Molto poco probabile.

 D’Alema. Nome forte ma troppa avversione sia all’interno del suo partito che fuori

 Emma Bonino. Ha l’esperienza necessaria, è una figura di riferimento internazionale e sa avere il polso giusto con l’Europa. Sarebbe la prima donna alla Presidenza come da più parti si vorrebbe. E’ stato già fatto il suo nome. Nel panorama delle possibilità è oggi un nome su cui si può discutere e trovare consenso trasversale. Non è amatissima dai cattolici ma rispettata.

In sintesi a oggi siamo ancora nella fase di surplace. L’unica che sembra più credibile è Emma Bonino. Comunque ci sono anche due nomi che non vengono rivelati nemmeno sotto tortura. Nei piani alti dei palazzi circolano ma la paura di bruciarli è troppa. Per cui per ora non è bene scommettere su nessuno.

Rimangono le tre linee che sembrano orientare i più:

    chi serve di più a questo paese
    il profilo internazionale come minimo europeo
    la facoltà di sciogliere le Camere è troppo importante per affidarla a persona che non sia sicuramente garante visto la fase che stiamo attraversano

Iscriviti alla newsletter
Tags:
quirinale
in evidenza
Ferragni spettacolare a Parigi Calze a rete e niente slip

Le foto delle vip

Ferragni spettacolare a Parigi
Calze a rete e niente slip

i più visti
in vetrina
Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"

Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"


casa, immobiliare
motori
Renault svela gli interni della nuova Austral

Renault svela gli interni della nuova Austral


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.