A- A+
Politica
Verdini con Renzi, tutta la verità. Governissimo Pd-Forza Italia


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Matteo Renzi è debole. "Debolissimo", dicono in Transatlantico parlamentari del Pd. "Ostenta serenità quando va in tv ma dietro le quinte è molto, molto preoccupato". Il premier non si spiega come mai i sondaggi continuino a segnare una flessione inarrestabile del Partito Democratico. Tanto che si comincia a parlare di una modifica dell'Italicum. Il timore è che al ballottaggio, in caso di voto, il Movimento 5 Stelle possa vincere a mani basse (come è accaduto ai ballottaggi delle Comunali). L'obiettivo è quello di puntellare la maggioranza, visto che la minoranza Pd è pronta ad abbandonare il governo, nonostante la possibile promozione di Cesare Damiano a vice-ministro dello Sviluppo Economico. In Parlamento si parla di 25-30 senatori dem pronti a votare contro la maggioranza, a cominciare dalle riforme istituzionali. Il primo punto è l'ingresso ormai certo dei verdiniani e tra loro c'è anche Vincenzo D'Anna ("Vado nel Partito della Nazione") finora nel Gruppo Gal. Ma Verdini sarà sufficiente a Renzi? Forse no. E a quanto pare gli sherpa stanno lavorando per andare ben oltre il soccorso di Verdini all'esecutivo. Silvio Berlusconi è sempre più in rotta con Matteo Salvini (il pretesto è stata la crisi greca e le profonde divergenze sull'euro tra Lega e Forza Italia). L'ex Cavaliere lavora sottotraccia per la rinascita del Patto del Nazareno che in prospettiva porti a un nuovo governo di larghe intese. Da un lato Renzi teme il voto e ha bisogno di voti a Palazzo Madama (forse i verdiniani non bastano) e dall'altro Berlusconi vuole tornare a contare e, spinto dai figli e dai vertici Mediaset, ritiene più utile governare con il leader del Pd che farà il portatore d'acqua a Salvini. Sullo sfondo anche la nascita di un partito unico Pd-Forza Italia, proprio quel Partito della Nazione evocato dal senatore D'Anna. Il quadro politico va così verso una scomposizione e una possibile ricomposizione con Renzi e Berlusconi al centro, Salvini-Meloni-Fitto a destra, ex minoranza Pd e Sel a sinistra e ovviamente il M5S in perfetta solitudine.

Tags:
verdinisalviniberlusconirenzi

i più visti

casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.