BANNER

Per Matteo Renzi l'uscita di Forza Italia dalla maggioranza ha segnato la fine del governo di larghe intese. "Questo governo è nato in modo un po strano, è nato come un governo di larghe intese, tutti insieme per fare le riforme e arrivare alla guida del semestre europeo, dal primo luglio al 31 dicembre del 2014", ha detto il sindaco di Firenze, grande favorito nella corsa alla segreteria del Pd, in un colloquio con il "Corriere della Sera". "Oggi il governo delle larghe intese è saltato e con il ritiro di Forza Italia e Berlusconi non c'è più un governo di larghe intese. Allora questo governo non può continuare ad andare avanti facendo finta che tutto sia rimasto uguale. Bisogna dare una svolta. Bisogna fare finalmente le cose che servono".

Il Pd, ha proseguito Renzi, "in questi mesi, in queste settimane è stato molto prudente, paziente, responsabile. Ok, siamo stati dei 'good guys', dei bravi ragazzi. Però adesso è il momento di chiedere che le cose si facciano, e quindi ci faremo sentire. Senno... finish".

Il sindaco di Firenze nel colloquio non ha risparmiato critiche a Cuperlo. "La sinistra che hanno in mente loro è una sinistra che ha sempre perso", ha detto rispondendo al suo principale rivale nella corsa alla segreteria del partito, che lo aveva accusato di essere "il volto buono della destra".

"Io credo che sia molto di sinistra scommettere sulle donne come stiamo facendo qua a Firenze - ha spiegato - investire sugli asili nido, investire in cultura, start-up. Stiamo facendo molte cose che sono di sinistra, che sono l'investimento sul domani". Per Renzi "c'è una parte della sinistra che vuole la sinistra vecchia maniera, la sinistra tutta legata al passato. Quella sinistra lì vogliamo sconfiggerla".

 

2013-11-28T11:07:14.887+01:002013-11-28T11:07:00+01:00truetrue1546116falsefalse6Politica/politica4130933113562013-11-28T11:07:14.95+01:0015462013-11-28T15:48:23.813+01:000/politica/renzi-governo-di-larghe-intese-finito281113false2013-11-28T15:48:26.473+01:00309331it-IT102013-11-28T11:07:00"] }
A- A+
Politica
renzi bari1
 
BANNER

Per Matteo Renzi l'uscita di Forza Italia dalla maggioranza ha segnato la fine del governo di larghe intese. "Questo governo è nato in modo un po strano, è nato come un governo di larghe intese, tutti insieme per fare le riforme e arrivare alla guida del semestre europeo, dal primo luglio al 31 dicembre del 2014", ha detto il sindaco di Firenze, grande favorito nella corsa alla segreteria del Pd, in un colloquio con il "Corriere della Sera". "Oggi il governo delle larghe intese è saltato e con il ritiro di Forza Italia e Berlusconi non c'è più un governo di larghe intese. Allora questo governo non può continuare ad andare avanti facendo finta che tutto sia rimasto uguale. Bisogna dare una svolta. Bisogna fare finalmente le cose che servono".

Il Pd, ha proseguito Renzi, "in questi mesi, in queste settimane è stato molto prudente, paziente, responsabile. Ok, siamo stati dei 'good guys', dei bravi ragazzi. Però adesso è il momento di chiedere che le cose si facciano, e quindi ci faremo sentire. Senno... finish".

Il sindaco di Firenze nel colloquio non ha risparmiato critiche a Cuperlo. "La sinistra che hanno in mente loro è una sinistra che ha sempre perso", ha detto rispondendo al suo principale rivale nella corsa alla segreteria del partito, che lo aveva accusato di essere "il volto buono della destra".

"Io credo che sia molto di sinistra scommettere sulle donne come stiamo facendo qua a Firenze - ha spiegato - investire sugli asili nido, investire in cultura, start-up. Stiamo facendo molte cose che sono di sinistra, che sono l'investimento sul domani". Per Renzi "c'è una parte della sinistra che vuole la sinistra vecchia maniera, la sinistra tutta legata al passato. Quella sinistra lì vogliamo sconfiggerla".

 

Tags:
governoletta
in evidenza
Leao perde la causa milionaria Pagherà 20 mln di risarcimento

Chiuso il caso con lo Sporting

Leao perde la causa milionaria
Pagherà 20 mln di risarcimento

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
FIAT premia lo stile di guida ecosostenibile con la Nuova 500

FIAT premia lo stile di guida ecosostenibile con la Nuova 500


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.