A- A+
Politica
Renzi (mina vagante) guarda al Centro. Gruppo con gli scontenti di Pd e FI?
Matteo Renzi, conferenza stampa alla Camera

Il miraggio del “Centro” persiste da quando la Balena Bianca, cioè la Democrazia Cristiana, si è dissolta

 

Tutto si può dire di Matteo Renzi tranne che non abbia un acuto senso dell’agire politico e che non rappresenti sempre e comunque una “mina vagante”.

Dopo che si è consumata la separazione da Carlo Calenda e la sua “Azione” l’ex premier ha dichiarato apertamente che sta guardando contemporaneamente verso destra, puntando Forza Italia, e verso sinistra, puntando il Pd, per ricostruire appunto il “centro” o meglio il “Centro”.

In realtà, tale entità già esisterebbe nel mare di sigle che si affastellano nella politica italiana ed un’area che vede interessati Giovanni Toti e Maurizio Lupi.

Il miraggio del “Centro” persiste da quando la Balena Bianca, cioè la Democrazia Cristiana, si è dissolta.

Ci provarono già dieci anni fa Rutelli e Fini a ricostruirlo ma la cosa non andò in porto.

E Renzi, da questo punto di vista, è il più titolato per riprovarci visto che lui nella Margherita di Rutelli c’era già, ancor prima che nel Pd.

CATENO DE LUCA A RENZI, "CENTRO? OPERAZIONE 'PIRANDELLIANA', SCORDATI IL NOSTRO 2%"

''Cosa sarebbe questo Centro? Una nuova maschera dietro la quale nasconderti? Io non ho necessità di 'formule pirandelliane' per nascondermi. Chi è alla ricerca di continue maschere per presentarsi all'elettorato vuol dire che è cosciente di aver 'truffato' gli elettori e vuole continuare a farlo. Sei abituato male, le fughe in avanti, stile Papeete, con me non funzionano. La trattativa per le europee, per fare alla luce del sole un matrimonio d'interessi, si ferma qua. A queste condizioni non ci sto e di sicuro non ho alcuna intenzione di 'regalarti' il 2% di Sud chiama Nord per continuare a farti sopravvivere''. È quanto dice Cateno De Luca, leader di Sud chiama Nord e sindaco di Taormina.

''Noi siamo un partito del territorio, un partito che si fonda sul civismo, non siamo 'salottieri' e non confezioniamo partiti da sotto l'ombrellone richiamando formule geometriche che hanno il sapore delle sedute spiritiche per rievocare fantasmi utili a distrarre l'elettorato. La nostra forza sono i cittadini e solo a loro rispondiamo con coerenza e chiarezza'', aggiunge De Luca che fa sapere che ''non parteciperà al tavolo programmatico di metà settembre'' con Renzi ed altri. ''Ribadisco un concetto molto importante: per noi il matrimonio d'interessi vale se fatto con il Terzo Polo in versione integrale per come si è presentato alle elezioni politiche, non siamo interessati a singole ''fuitine' con Renzi o Calenda, proposte dall'uno e dall'altro. Non sarò uno strumento da faida e ad entrambi dico di essere seri e coerenti perché la formula dei 'Ladri di Pisa' ormai ci ha veramente stancato'', conclude il leader di Sud chiama Nord.

Renzi incarna infatti naturalmente l’idea di centro perché rappresenta quella sinistra democristiana fanfaniana che ottenne ai suoi tempi grossi risultati, si pensi anche alla figura di Aldo Moro.

Forza Italia, viceversa, è un partito di ispirazione liberale che rappresenta la destra storica, quella di Cavour pre – fascista, per intenderci. La destra della imprenditoria liberale e non quella sociale a cui faceva riferimento la Meloni.

La presenza di uno squalo come Renzi nelle acque ancora agitate di Arcore è indubbiamente un pericolo dopo la scomparsa dell’unica figura carismatica, Silvio Berlusconi.

E la reazione nervosa di Gasparri all’ipotesi renziana è significativa che il pericolo è invece reale:

«Ci provi a superare il 4% di sbarramento, e poi vediamo: il suo problema politicamente oggi è mettere assieme il pranzo con la cena. Non è più un politico, è un conferenziere tra Ryad e Rignano».

Iscriviti alla newsletter
Tags:
renzi





in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
DS Automobiles: protagonista al Chantilly Arts & Élegance Richard Mille

DS Automobiles: protagonista al Chantilly Arts & Élegance Richard Mille

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.