A- A+
Politica

Il presidente della Repubblica torna a incalzare il Governo e il Parlamento sul tema delle riforme e glissa sugli attacchi lanciati ieri da Beppe Grillo in Senato. A Bari, dove partecipa a una tavola rotonda organizzata all'universita', risponde a un cittadino che gli chiede di dare un ultimatum di 30 giorni alla politica dicendo: "Fosse per me, gli darei sette giorni!". Ai cronisti che lo incalzano per un commento alle ultime uscite del leader di Cinquestelle, invece, replica secco: "Sono venuto qui per una riflessione sul Sud e sulla cultura. Ad altro non rispondo".

Durante la visita alla Camera, dopo il blitz di ieri a palazzo Madama, oggi Grillo non ha lanciato nuovi strali al Quirinale, ma non ha risparmiato frecciate al premier Letta e al Parlamento. "Sono loro, questi signori, a creare l'instabilita'. E' il governo, e' Letta che va in televisione a dire balle", dice replicando al presidente del Consiglio. L'esecutivo, insiste il comico genovese, afferma che "c'e' un lumicino in fondo alla crisi, che c'e' la luce in fondo al tunnel. Ma sono tutte balle". Per Grillo "questo e' un paese tenuto in piedi da balle, siamo gia' sott'acqua. La tv e' una delle responsabili".

Il Parlamento, invece, "non decide piu' nulla. Ormai e' una parola vuota. Noi - spiega parlando del suo Movimento - siamo qui per cambiare le cose sui progetti, come il reddito di cittadinanza. Invece tutte le proposte che facciamo, vengono affossate in commissione. Chiedete agli inservienti della Camera chi e' che lavora qui... Io vengo qui per tirargli su il morale". Per cambiare la situazione, spiega, "bisogna andare il prima possibile alle elezioni. Noi chiederemo agli italiani se si vogliono liberare, una volta per tutte, di questa classe politica" perche' "questi devono sparire, hanno distrutto l'Italia. Hanno creato il disastro. In 6 anni - sottolinea ancora - non sono riusciti a modificare la legge elettorale" e ora vogliono fare "il super Porcellum" per far fuori M5S. A proposito del voto sulla decadenza di Berlusconi ribadisce: "Siamo per il voto assolutamente palese. Noi facciamo quello che diciamo non siamo come loro, basta con questa pantomima. E' una vergogna" del voto segreto. L'ultima stoccata la riserva a Matteo Renzi: "Cosa penso di Renzi? Di Renzi non penso... Come si fa a pensare di Renzi".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
riformenapolitano
in evidenza
Ferragni spettacolare a Parigi Calze a rete e niente slip

Le foto delle vip

Ferragni spettacolare a Parigi
Calze a rete e niente slip

i più visti
in vetrina
Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"

Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"


casa, immobiliare
motori
Renault svela gli interni della nuova Austral

Renault svela gli interni della nuova Austral


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.