A- A+
Politica
Le accuse dei boss non sono oro colato

Prima, attacchi postumi di Totò Riina al defunto Giulio Andreotti che- avrebbe detto il capomafia, intercettato nel carcere di Opera, a un detenuto- incontrai, a Palermo, ma non baciai, nel lontano 1987. Poi, bordate a Silvio Berlusconi, accusato di aver versato a Cosa nostra 250 milioni ogni 6 mesi.Infine, difesa di don Nicola Mancino: l'ex ministro era un nemico  delle cosche e non trattò mai con me.

Non sarebbero necessarie maggiore cautela e doverosa attenzione dei media, in primis nei confronti delle persone decedute, chiamate in causa dall'ergastolano che, di recente, ha minacciato don Ciotti ? Perchè prendere per oro colato e trasformare quasi nell'oracolo di Delfi le esternazioni del feroce mandante delle stragi Falcone e Borsellino ? Totò Riina, ignorante ma non stupido, sapendo di essere intercettato, non potrebbe avere convenienza a inviare messaggi trasversali e a far filtrare allusioni all'esterno del carcere?

Pietro Mancini

 

Tags:
riinaandreotti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Citroën firma la serie speciale C3 «Elle»

Citroën firma la serie speciale C3 «Elle»


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.