A- A+
Politica
Salvini "copia" Forza Italia. Un mese dopo...

"La Lombardia e Milano devono diventare 'zona economica speciale'". La proposta di Matteo Salvini non è originalissima. Più di un mese, il 28 febbraio scorso, la stessa proposta era stata avanzata dal parlamentare europeo di Forza Italia Massimiliano Salini, insieme alla capogruppo alla Camera Maristella Gelmini.

IL COMUNICATO DI FORZA ITALIA LOMBARDIA DEL 28 FEBBRAIO SCORSO

FORZA ITALIA LOMBARDIA CORONAVIRUS: GELMINI-SALINI-BARUCCO, ZES PER LA RIPARTENZA DELLA LOMBARDIA
La Lombardia è la regione più colpita dal Coranavirus: oltre che con la tragedia umana dovrà fare i conti anche con un crollo del Prodotto interno lordo che avrà ripercussioni nazionali molto significative. Le Zes (Zone Economiche Speciali) sono strumenti di rilancio economico, pensati per territori in oggettiva difficoltà: una ZES lombarda consentirebbe di abbattere la burocrazia, semplificare il commercio con l'estero e allentare la pressione fiscale, garantendo un ritorno alla normalità più rapido ed efficace. Forza Italia si è fatta portatrice di tale richiesta, tramite una mozione del consigliere Gabriele Barucco, che ha impegnato il Presidente della Regione a presentare la richiesta al Governo.  “Le ZES rappresentano una battaglia che porto avanti da un anno – sostiene Barucco – e stanno riscuotendo sempre più appoggi. Devono essere utilizzate con criterio e coinvolgere l'intera filiera lombarda. Con che coraggio, infatti, potremmo immaginare di limitarle a Milano, lasciando fuori Brescia, Bergamo e Lodi, le aree più colpite dal Covid-19? La Lombardia si rialza in piedi unita o non si rialza affatto”. Di analogo tenore la dichiarazione del coordinatore regionale e parlamentare europeo di Forza Italia Massimiliano Salini: “L’impatto della crisi sul Pil stimata da Confindustria è enorme: -10% nel primo semestre 2020. La Lombardia è il motore economico del Paese: se non riparte la Lombardia, non riparte l’Italia. Le aziende che trainano il Pil nazionale hanno di fronte prospettive catastrofiche. Molte rischiano una contrazione del fatturato insostenibile con conseguente perdita di posti di lavoro. La creazione di Zes, normalmente pensate per zone depresse del Sud Italia, va quindi estesa senza indugio anche a territori strategici come la Lombardia, la cui competitività oggi è gravemente minacciata”. Analisi condivisa anche da Mariastella Gelmini, presidente del gruppo di Forza Italia alla Camera dei Deputati e consigliera comunale a Milano: “Quando finirà l’incubo sanitario, avremo di fronte un periodo economico molto problematico. Per questo servono risposte coordinate a livello nazionale ed europeo. Come gruppo parlamentare e come partito siamo impegnati ad incrementare le risorse fin qui stanziate dal Governo e a introdurre poderosi innesti di semplificazione delle procedure. Per la Lombardia la creazione di una o più zone economiche speciali, può rappresentare la chiave di volta, per accelerare l’uscita dalla crisi e l’allontanamento dello spettro della recessione e dell’aumento della disoccupazione”.

Commenti
    Tags:
    forza italia lombardia lega
    in evidenza
    Gregoraci lascia la casa di Briatore Racconto in lacrime sui social

    Costume

    Gregoraci lascia la casa di Briatore
    Racconto in lacrime sui social

    i più visti
    in vetrina
    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


    casa, immobiliare
    motori
    Honda svela la nuovo generazione di HR-V

    Honda svela la nuovo generazione di HR-V


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.