A- A+
Politica
matteo salvini

"I clandestini che il ministro di colore vuole regolarizzare ammazzano a picconate: Cecile Kyenge rischia di istigare alla violenza nel momento in cui dice che la clandestinita' non e' reato, istiga a delinquere".

Cosi' il segretario della Lega lombarda, Matteo Salvini, commenta, al telefono con l'Agi, l'episodio di violenza verificatosi all'alba a Milano, dove un 21enne irregolare di origini ghanesi ha aggredito a picconate i passanti, uccidendo un uomo.

"Questo e' un caso drammatico, il gesto di un folle", ha aggiunto l'esponente leghista. "Ma non va trascurato il fatto che sia stato commesso da un clandestino che non avrebbe dovuto essere qua, avrebbe dovuto essere espulso".

"Altro che abolizione del reato di clandestinita' - ha continuato - ci sono gia' migliaia di gazebo pronti: seppelliremo il ministro Kyenge con migliaia di firme".

Tags:
legapicconatoremilano
in evidenza
"Esco con Briatore. Ho scoperto che è un uomo interessante"

Barbara D'Urso e la simpatia con...

"Esco con Briatore. Ho scoperto che è un uomo interessante"


in vetrina
Malocclusione dentale: cos’è, quali sono le sue conseguenze e come trattarla

Malocclusione dentale: cos’è, quali sono le sue conseguenze e come trattarla


motori
Stellantis: inizia la produzione di Jeep Avenger nello stabilimento di Tychy

Stellantis: inizia la produzione di Jeep Avenger nello stabilimento di Tychy

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.