A- A+
Politica
Salvini stronca la Pascale: "L'iscrizione all'Arcigay? Buffonata"

"L'iscrizione della Pascale all'Arcigay e' una buffonata, queste cose sono delle pagliacciate". Parola di Matteo Salvini a La Zanzara su Radio 24. "Per me - chiarisce il segretario della Lega Nord - il matrimonio e' fra uomo e donna e i bimbi si danno a una mamma e a un papa'". "Penso che iscriversi all'Arcigay - torna a dire Salvini a proposito della mossa della compagna di Silvio Berlusconi - sia una mancanza di rispetto nei confronti dei gay, che vengono usati. La Pascale si fa pubblicita' attraverso l'Arcigay, assolutamente". Parole severe anche per il neodeurodeputato leghista Gianluca Buonanno, che in veste di amministratore locale aveva annunciato di voler multare con 500 euro i baci gay in pubblico a Borgosesia. "Sbagliano quei leghisti che usano i gay con proposte assurde per farsi pubblicita'. Penso a Buonanno - puntualizza - che va dicendo che non ci si bacia in mezzo alla strada e vuole punire chi lo fa. Sono cazzate, uno si bacia dove vuole. Non ha alcun senso - dice ancora Salvini - e' una cazzata e basta".

"Lei ha scelto di lavorare nel pubblico perche' vuole occuparsi di servizi sociali, disabili, anziani, di donne maltrattate e malate. Ma ha la sfiga di essere la compagna del segretario della Lega, altrimenti avrebbe fatto piu' carriera per quello che vale". Matteo Salvini, a La Zanzara su Radio 24, parla cosi' della sua compagna, Giulia Martinelli, assunta come collaboratrice dell'assessore al Welfare della Regione Lombardia, guidata dal leghista Roberto Maroni. "Lo sanno tutti. Siccome e' la mia compagna viene discriminata: nel pubblico impiego i sindacati di sinistra contano molto", attacca Salvini. A chi gli fa notare che sarebbe forse il caso di lasciare l'incarico, per motivi di opportunita' politica, l'esponente lumbard risponde cosi': "No, significherebbe riconoscere che si e' fatto qualcosa contro la legge e i cittadini perderebbero una persona che - sottolinea Salvini - si sta occupando delle parrucche per le donne malate di tumore. Non sta rubando il posto a nessuno, e' stata chiamata dall'assessore con cui lavora da cinque anni".

"Giulia - ricorda ancora Salvini - voleva dimettersi da quell'incarico perche' in questi giorni viene trattata come una raccomandata e una miracolata, ma le ho detto di non farlo perche' e' stato fatto tutto in regola e se facesse un lavoro nel privato molto probabilmente guadagnerebbe di piu'". Si e' parlato, dicono ancora i conduttori della trasmissione, di un contratto da 70mila euro: "No, assolutamente no. Ma non so quanto guadagna, Non ho mai guardato nella sua busta paga e non mi permetto di farlo adesso.Alla Asl - osserva ancora - non e' mai andata oltre i 1500 euro mensili ma, ripeto, non ho mai curiosato nella sua busta paga. In certi periodi prendeva di piu' perche' faceva il dirigente. Comunque fino a un mese fa la retribuzione era la stessa. A fine luglio, quando arriva la prossima - promette - ve lo comunico".

Tags:
salviniarcigay
in evidenza
Non solo caldo africano... Attenti ai temporali violenti

Meteo, eventi estremi

Non solo caldo africano...
Attenti ai temporali violenti

i più visti
in vetrina
Berkshire Hathaway HomeServices, al via accordo con Roma Immobiliare

Berkshire Hathaway HomeServices, al via accordo con Roma Immobiliare


casa, immobiliare
motori
Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella

Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.