A- A+
Politica
Elly Schlein nuova Boldry del Pd. Da giovane seguace di Peppe Civati...

Gabriele Muccino si è innamorato di lei e dice: “Non sabotatela”

 

Da qualche tempo la sinistra ha prodotto una nuova idoletta di quelle che solo lei sa confezionare per perdere: radical–chic in maniera spropositata, sardinista, femminista, immigrazionista al peperoncino, schwaista distruttrice della lingua italiana, già bambina di Obama, poi bambina di Prodi, poi bambina di Letta ed infine la cignazza ha spiccato il vuoto volo: è entrata in Parlamento lasciando la vicepresidenza dell’Emilia–Romagna dove si era ultraspecializzata nella rottura sistematica dei marroni al povero Stefano Bonaccini che nel frattempo ha tirato un sospiro di sollievo.

Ora punta pure a fare la segretaria del Pd per l’unico merito, naturalmente, che è femmina ed ha già preso possesso dell’ampio ufficio arredato con vegetalità alternative di tutto rispetto.

E da lì si è agguattata alla finestra con il fucilino di precisione -come una Rula Jebral qualsiasi- e ha cominciato a sparare: “Ora per la Meloni la pacchia è finita”, ha sgangheratamente dichiarato la neo eletta tra una tartina di salmone e una atticata pomeridiana nel centro di Roma.

Il riferimento è alla frase che aveva pronunciato la Meloni in un contesto ben specifico e cioè riferendosi unicamente alle segreterie europee per la questione del prezzo del gas che discrimina come al solito l’Italia.

Ma la sinistra questa frase se la è legata al dito perché evidentemente ha la coda di paglia e così la ripete ossessivamente come un pugile suonato.

Ma chi è questa nuova Boldry da sagra delle piadine romagnole?

Nome “tetesko di Svizzera”, lesbica dichiarata, nasce a Lugano da un professorone universitario statunitense d’origine ebraica prevenente dall’Ucraina che, di questi tempi, non guasta mai, e da una professorona italiana parimenti universitosa. Parenti molto altolocati tra cui il solito archetipale zio “avvocato antifascista” e il fratello matematicone. Quindi è italo-statunitense-svizzera, un vero sollucchero per i radical–chic nostrani.

Una che si strugge e si lamenta per la povertà nel mondo e per le disuguaglianze per poi vivere nel lusso e nella agiatezza con la protezione di una famiglia importante.

Insomma siamo alle solite e cioè si tratta del boldrinismo più puro solo che la Schlein è molto più giovane della pasionaria maceratese e le sta già facendo le scarpe.

Gabriele Muccino si è innamorato di lei e dice “non sabotatela”, mentre Romano Prodi l’ha già bellamente scaricata per la corsa alla segreteria del Pd.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
schlein pd





in evidenza
Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

La classifica comscore

Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)


in vetrina
Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"

Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"


motori
L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.