A- A+
Politica
Assolta la segretaria di Bersani. "Mi sono sentita umiliata"

Zoia Veronesi, storica segretaria di Pierluigi Bersani, e Bruno Solaroli, dirigente, sono stati assolti dal Gup questa mattina per il reato di truffa aggravata perché "il fatto non sussiste".

Il pm Giuseppe Di Giorgio aveva chiesto al giudice Letizio Magliaro di condannare entrambi a 4 mesi e 20 giorni di reclusione e a 200 euro di multa, per il reato di truffa aggravata ai danni della Regione Emilia Romagna. La ex dirigente di viale Aldo Moro, è accusata di aver lavorato solo per Bersani a Roma mentre era alle dipendenze ell'ente pubblico, distaccata, e le venivano pagati 140 mila euro di stipendio. Le difese si sono battute per l'assoluzione. «Male non fare, paura non avere » aveva detto Veronesi.

"In questi quattro anni hanno messo ai raggi x la mia vita e quella dei miei parenti, al punto che mi sono sentita umiliata e non riesco a essere contenta. Una ferita difficile da rimarginare, non ho mai dubitato che sarebbe finita così" sono le prime parole di Zoia Veronesi all'uscita del tribunale.

Tags:
bersani
in evidenza
Arriva l'aria polare dalla Svezia Fine maggio brividi. Previsioni

Meteo

Arriva l'aria polare dalla Svezia
Fine maggio brividi. Previsioni

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari SEA, Air Canada lancia il collegamento non-stop tra Milano Malpensa e Montreal

Scatti d'Affari
SEA, Air Canada lancia il collegamento non-stop tra Milano Malpensa e Montreal


casa, immobiliare
motori
DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate

DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.