A- A+
Politica
Palazzo Grazioli bloccati manifestanti (4)

BANNER

 Sequestrato dalla polizia un manifesto che denuncia il "colpo di Stato" della decadenza di Silvio Berlusconi dal Parlamento. Doveva essere esposto dalle 14 davanti a palazzo Grazioli alla manifestazione di solidarietà a Berlusconi, con la partecipazione dello stesso Cavaliere. A renderlo noto, l'ufficio stampa di Forza Italia, condannando l'accaduto come "violazione della libertà di manifestazione del pensiero" e chiedendo "che non si ripeta mai più".

"Abbiamo appreso che in spregio delle più elementari norme di libera manifestazione del pensiero e dimenticando quanto è accaduto in passato nel corso di ogni manifestazione - ha denunciato in una dichiarazione a Montecitorio il capo ufficio stampa di Fi Luca D'Alessandro - solerti funzionari hanno sequestrato un cartello che sarebbe stato esposto nel corso della manifestazione in sostegno di Silvio Berlusconi".

"Ci auguriamo - ha sottolineato il parlamentare - che simili episodi non accadano più e che venga ripristinata quanto prima la possibilità per tutti i manifestanti di esprimere in libertà e democrazia opinioni, commenti e idee".

"Giudichiamo molto grave quanto accaduto e, in attesa di chiarimenti, preannunciamo sin d'ora interrogazioni urgenti al ministro dell'Interno Angelino Alfano, affinché venga fatta piena luce su questo inaccettabile episodio", hanno fatto sapere i capigruppo di Forza Italia di Camera e Senato, Renato Brunetta e Paolo Romani.

"È inaudito - ha protestato Raffaele Fitto - che si sia verificato il sequestro preventivo di un cartello a via del Plebiscito. Nel Paese delle manifestazioni violente dei No-Tav, dei bruciatori di bandiere, di cortei di gente armata e mascherata, delle vetrine distrutte, il centrodestra italiano, da vent'anni, organizza invece manifestazioni pacifiche, correttissime, esemplari. Questo abbiamo sempre fatto, e questo faremo. Non accettiamo censure preventive, e rivendichiamo il diritto costituzionale sancito dall'art. 17 (libertà di manifestazione) e dall'art.21 (libertà di espressione)".

"È letteralmente incredibile - ha aggiunto Daniele Capezzone - la notizia del sequestro preventivo di un cartello a via del Plebiscito. In Italia non c'è free speech? La libertà di parola e di espressione è sottoposta al vaglio preventivo di qualcuno?".
 

Tags:
forza italiacartello
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Web Edition, pensate per l’e-commerce

Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Web Edition, pensate per l’e-commerce


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.