A- A+
Politica
Siri, Conte costretto a prendere tempo. Restano le divisioni tra M5S e Lega
Foto: LaPresse
ESCLUSIVO AFFARITALIANI.IT/ Il sottosegretario alle Infrastrutture Armando Siri, indagato per corruzione nell'ambito dell'inchiesta sugli appalti nell'eolico, dopo l'incontro con il premier Giuseppe Conte, non ha alcuna intenzione di rassegnare le dimissioni come chiesto dal Movimento 5 Stelle. Lo apprende Affaritaliani.it da fonti vicine all'esponente leghista padre della flat tax

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte prende tempo sul caso del sottosegretario Armando Siri, dopo l'incontro di ieri sera con l'esponente della Lega. "Quotidianamente mi chiedete su Siri: io ho annunciato con trasparenza i principi del mio percorso. Vi chiedo di pazientare il termine del percorso. Si assumerà una decisione e verrà comunicata a tutti. Sono disponibile a conferenza stampa quando la decisione verra' adottata. Siamo nel pieno di un percorso. La mia giacca non si lascia tirare più di tanto", ha detto il premier Conte nel corso della conferenza stampa congiunta con il premier tunisino Youssef Chahed.

Alla base della scelta del presidente del Consiglio di prendere tempo c'è - secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it - la netta contrapposizione tra il Carroccio e il M5S. Siri, appoggiato da Matteo Salvini, non intende dimettersi (vedi box a lato) mentre fonti dei pentastellati insistono sulla necessità del passo indietro bocciando anche l'ipotesi dell'autosospensione a tempo.

Intanto Luigi Di Maio smentisce frizioni con il premier. "Quanto riportato circa una presunta irritazione del vicepremier Di Maio nei confronti del presidente Conte è assolutamente falso. Di Maio non ha mai espresso quelle parole e ha piena fiducia verso l'operato del premier a tutela dell'immagine del governo e delle istituzioni". Lo precisano dallo staff di Luigi Di Maio. L'agenzia Dire prende atto della precisazione, ma come si può leggere nel lancio titolato: "Governo. SIRI, Di Maio si arrabbia con Conte: niente azzeccagarbugli", si fa espressamente riferimento ad una fonte del M5S che parla di quanto ha saputo senza attribuire parole al vicepremier Di Maio.

Siri, Fedriga (Lega): no a due pesi e due misure rispetto a Raggi - "Non vorrei si passasse a due pesi e due misure, dove un'indagine sul sindaco di Roma durata due anni comporta la permanenza del sindaco di Roma e un'indagine di qualche giorno sul sottosegretario Armando Siri comporta le dimissioni di Siri. La trasparenza e l'onesta' si vede anche se ci si comporta allo stesso modo con i propri e con gli altri". Lo ha affermato il presidente del Fvg, Massimiliano Fedriga, durante un forum all'ANSA. "Noi le dimissioni del sindaco di Roma non le abbiamo mai chieste per l'inchiesta - ha puntualizzato - abbiamo molti dubbi su come sta governando la citta'. Questo penso sia sotto gli occhi di tutti, dei romani in primis. Cosa sarebbe successo a Virginia Raggi se qualcuno avesse chiesto le dimissioni per un'indagine dalla quale e' oltretutto uscita? Sarebbe caduto, senza alcun senso, un Comune". Sulla questione Siri, ha quindi aggiunto, "mi auguro che un cittadino sia ritenuto colpevole se c'e' una condanna di colpevolezza, altrimenti ho paura che qualsiasi avviso di garanzia possa tramutarsi in un allontanamento da una posizione di rappresentanza che ha e mi sembrerebbe lontano dal volere dei cittadini".

Commenti
    Tags:
    governo siri lega m5s conte
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel Grandland X, nuovi allestimenti per il MY 2021

    Opel Grandland X, nuovi allestimenti per il MY 2021


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.