A- A+
Politica

Guadagnando due punti e mezzo in una settimana, il Pd supera il Pdl nelle intenzioni di voto e raggiunge il 28,5 percento dei consensi. Il partito di Silvio Berlusconi registra invece una lieve inflessione (-0,3%), attestandosi al 27,7 percento. Perde oltre due punti il Movimento 5 Stelle (-2,2%), che scivola sotto la soglia del 20 percento (18,3%). E' quanto emerge da un sondaggio realizzato dall'Istituto Swg per Agorà Estate.
 

epifani (3)

Lieve inflessione per Sel e per la Lega Nord (-0,3%), che si attestano rispettivamente al 4,5 e al 4,3 percento; perdono qualcosa anche Scelta Civica (-0,2%), al 3,9 percento, e Fratelli d'Italia (-0,1%), al 2,1 percento. Guadagnano invece qualcosa Rifondazione Comunista-Azione Civile (+0,2%), al 2 percento, e La Destra (+0,3%), all'1,6 percento. Pressoché stabile l'Idv (+0,1%), che si attesta all'1,2 percento, mentre registra un lieve calo l'Udc (-0,2), che chiude all'1 percento. "Il recupero del Pd - ha osservato Maurizio Pessato, presidente Swg - è dovuto probabilmente alle posizioni più forti che il partito ha preso nell'ultima settimana".

FIDUCIA IN LETTA - Il rischio di una crisi di governo, ventilato ripetutamente nell'ultima settimana, ha inciso negativamente sulla fiducia degli italiani nell'esecutivo guidato Enrico Letta, che cala di 4 punti scivolando al 25 percento. Se il governo Letta dovesse cadere, quasi la metà degli italiani (46%) preferirebbe tornare al voto. Puntano alle urne oltre due elettori su tre del Movimento 5 Stelle (70%) e di centrodestra (68%), e più di un elettore su tre di centrosinistra (34%). L'ipotesi di un nuovo governo istituzionale, invece, piace al 19 percento degli italiani, mentre il 18 percento vorrebbe un 'Letta-bis' (a cui sarebbe favorevole anche il 37 percento degli elettori di centrosinistra).  

FIDUCIA IN RENZI - Non è più Matteo Renzi, bensì Giorgio Napolitano, il leader politico più amato dagli italiani. La fiducia nel sindaco di Firenze, infatti, cala di 5 punti in una settimana e scivola al 46 percento, consentendo così al Capo dello Stato - stabile al 47 percento - di raggiungere la 'vetta' dei consensi. Balzo in avanti per il premier Enrico Letta, che guadagna 4 punti e si attesta 45 percento. Un punto in meno per Silvio Berlusconi, al 23 percento, mentre ne perde tre Beppe Grillo, che si attesta al 21 percento a pari merito con Angelino Alfano. Un calo di tre punti anche per il leader di Sel Nichi Vendola, che scivola al 20 percento. Passo indietro per il senatore a vita Mario Monti (-4%) e per il segretario del Pd Guglielmo Epifani (-2%), che chiudono a pari merito con il 16 percento. "Enrico Letta - ha osservato Maurizio Pessato, presidente Swg - interpreta bene un ruolo ritenuto necessario, e questo lo premia".

ABBASSARE LE TASSE - Il 41 percento degli italiani vuole l'abbassamento delle tasse al primo posto dell'agenda dell'esecutivo. A insistere su questo punto sono due elettori su tre di centrodestra (66%) e il 42 percento del Movimento 5 Stelle, mentre per il 45 percento del bacino elettorale di centrosinistra la priorità del governo dovrebbe essere la lotta all'evasione fiscale. Per il 35 percento degli italiani, ai primi posti dell'agenda dell'esecutivo dovrebbe esserci l'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, che è anche ciò che hanno più a cuore quasi la metà degli elettori del Movimento 5 Stelle (49%) e il 44 percento di centrodestra. Segue la lotta all'evasione fiscale (34%), mentre a indicare come prioritaria la riforma della legge elettorale è il 18 percento degli italiani (e il 31% degli elettori di centrosinistra). Infine, gli investimenti sulle infrastrutture, ritenuti urgenti dal 9 percento degli elettori.

RENZI NON 'ASFALTEREBBE' BERLUSCONI - Secondo il 40 percento degli italiani, se il governo Letta dovesse cadere e si tornasse alle urne, Matteo Renzi non riuscirebbe nell'impresa di "asfaltare" Silvio Berlusconi, ma per quasi la metà degli elettori (49%) il sindaco di Firenze riuscirebbe ad asfaltare Beppe Grillo. Nel dettaglio, a non credere che Renzi potrebbe avere la meglio nello scontro elettorale con Berlusconi non è solo un'ampia fascia degli elettori di centrodestra (78%), ma anche il 44 percento del Movimento 5 Stelle e più di un elettore su 4 di centrosinistra (27%). Per quanto riguarda la possibilità di "asfaltare" Beppe Grillo, più di due elettori su tre di centrosinistra (68%) e oltre la metà di centrodestra (56%) sono convinti che il sindaco di Firenze riuscirebbe nell'impresa. Tuttavia, più di un italiano su tre (34%) ritiene la cosa altamente improbabile. "Stendere l'asfalto - ha ironizzato Maurizio Pessato, presidente Swg - non è un lavoro semplice".

Tags:
swgm5spdpdl

i più visti

casa, immobiliare
motori
Mercedes partnership con Phi Beach

Mercedes partnership con Phi Beach


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.