A- A+
Politica
alfano 500 1

"Il gabinetto del ministro dell'Interno seguì ogni fase dell'operazione kazaka. Tanto che la seconda irruzione del 29 maggio scorso nella villetta di Casal Palocco, dove si riteneva fosse nascosto Mukhtar Ablyazov, fu decisa nell'ufficio del prefetto Giuseppe Procaccini. E ordinata ai poliziotti direttamente dall'ambasciatore Andrian Yelemessov". A rivelare questi particolari, scrive "Il Corriere della Sera", è il responsabile della segreteria del capo della polizia Alessandro Valeri che ricostruisce le fasi delle due riunioni convocate al Viminale con i diplomatici. E la conferma arriva dal prefetto Gaetano Chiusolo, il capo della Direzione Centrale Anticrimine, che ricevette sul suo cellulare le disposizioni del diplomatico. I loro verbali, così come quelli di tutti gli altri funzionari coinvolti, sono stati consegnati al Parlamento in vista della votazione sulla mozione di sfiducia contro Angelino Alfano prevista per oggi al Senato, scrive il Corriere. I kazaki, secondo la ricostruzione del "Corriere della Sera" e di "Repubblica", erano presenti al Viminale anche nella giornata del 29 maggio.

Valeri, ricorda il Corriere, racconta di essere stato chiamato il 28 sera "dal prefetto Procaccini" per andare "nel suo ufficio per comunicazioni urgenti". Nel suo ufficio c'era l'ambasciatore Yelemessov e un consigliere della stessa ambasciata, che avevano segnalato la presenza in Italia di un pericoloso latitante. L'ambasciatore, ricostruisce il Corriere riferendo quanto rappresentato da Valeri, precisò che il latitante era armato, accompagnato da uomini armati e con collegamenti con il terrorismo internazionale. E riferì che "quella mattina aveva parlato della cosa con il dirigente della Squadra mobile Renato Cortese, a cui aveva fornito gli stessi elementi informativi, con precisa indicazione della villa ove il latitante si nascondeva", prosegue il Corriere.



Il vicepremier e ministro dell'Interno, Angelino Alfano, ha nominato Capo di gabinetto del ministero dell'Interno il prefetto Luciana Lamorgese. Lo comunica il Viminale. Lamorgese prende il posto di Giuseppe Procaccini, che si e' dimesso lunedi' scorso a seguito della bufera scoppiata sull'espulsione di Alma Shalabayeva.

Anche "Repubblica" riferisce di una seconda visita dei kazaki al Viminale il giorno dopo, il 29 maggio. "La mattina del 29 maggio, nelle ore successive al blitz di Casal Palocco, l'ambasciatore kazako, dopo averlo fatto la sera del 28, tornò ad accamparsi al Viminale nell'ufficio di Giuseppe Procaccini, capo di gabinetto del ministro, da cui pretese e ottenne una seconda perquisizione nella villa con l'impiego di un sofisticatissimo apparato geotermico per l'individuazione di cunicoli sotterranei in cui il 'pericoloso latitante' avrebbe potuto nascondersi".

Scatta così la seconda irruzione, ma di Ablyazov non c'è alcuna traccia. Nella villetta ci sono sua moglie e sua figlia. La signora viene prelevata, subisce la procedura di espulsione, poi arriva la decisione di rimpatriarla. Quando viene trasferita all'aeroporto di Ciampino, ricostruisce il Corriere della Sera, "ci sono con lei numerosi agenti dell'immigrazione e della questura. L'unica donna è l'assistente capo Laura Scipioni che nel verbale ricostruisce quanto accadde nello scalo e tra l'altro afferma: la signora "mi disse che suo marito era stato in prigione e molti loro amici erano stati uccisi dagli uomini del presidente".
 

Tags:
alfanokazakistan
in evidenza
Festival Economia: "Professione Manager" Perrino ospita Scaroni e Fiorani

Il direttore di affaritaliani a Trento

Festival Economia: "Professione Manager"
Perrino ospita Scaroni e Fiorani

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Arriva in Italia nuova Kia Niro, silenziosa ed ecologica

Arriva in Italia nuova Kia Niro, silenziosa ed ecologica


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.