A- A+
Politica
Effetto rottura del Patto del Nazareno. Il governo pronto a penalizzare Mediaset

La rottura del patto del Nazareno rischia di trasformarsi in un boomerang per Forza Italia e per il suo leader Silvio Berlusconi. A scatenare i sospetti degli azzurri un emendamento voluto dal governo al Decreto legge Milleproroghe approvato poco prima di Capodanno dal Consiglio dei ministri. Un testo che, rispetto alla formulazione iniziale, sembrerebbe penalizzare Rai e Mediaset.

L'articolo 3 del provvedimento viene riformulato dall'esecutivo in maniera molto diversa rispetto a come era uscito dal Cdm: infatti ora sarà un decreto del Ministero dello Sviluppo economico a determinare "in modo trasparente, proporzionato allo scopo, non discriminatorio" l'importo dei diritti amministrativi e dei contributi per i diritti d’uso delle frequenze televisive in tecnica digitale. Secondo alcune fonti di centrodestra in base a questa norma Rai e Mediaset sarebbero chiamate a redistribuire agli altri operatori 50 milioni di euro. Per molti la norma è una ritorsione per la rottura del patto del Nazareno. Anche il timing, in effetti, sembra prestarsi a questa interpretazione.

Nel testo precedente, invece, la questione era semplicemente congelata almeno fino alla fine del 2015. Ora sarà il governo a decidere quanto dovranno sborsare Rai e Mediaset. L'emedamento, dopo una mattinata di discussione nelle commissioni congiunte Bilancio e Affari Costituzionali della Camera, è stato alla fine accantonato e rinviato alla prossima settimana.

Dall'esecutivo, però, negano qualsiasi rapporto tra l'emendamento e la fine del patto del Nazareno. "Posso capire la tensione di questi giorni - afferma il sottosegretario allo Sviluppo Economico con delega alle Telecomunicazioni Antonello Giacomelli - ma suggerirei di tenersi ai fatti e non agli stati d'animo. L'emendamento in questione riporta alla piena titolarità del governo la riforma delle norme relative al canone frequenze che abbiamo annunciato già da agosto 2014, anche con una lettera scritta ad Agcom".

"Le norme vigenti - spiega Giacomelli - non prendono compiutamente atto del passaggio dall'analogico al digitale e determinano quindi distorsioni ed un onere eccessivo sugli operatori di rete", sottolinea ancora Giacomelli.

Si compiace per la norma anche il deputato Pd Michele Anzaldi, segretario della Commissione Vigilanza Rai, che rivendica la bontà dell'emendamento governativo. "Frequenze tv: stop agli sconti per Rai e Mediaset. Cittadini tutelati e bloccato pasticcio Agcom. Promessa mantenuta #lavoltabuona".

Tags:
mediaset
in evidenza
Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

Meteo previsioni

Aria fredda polare sull'Italia
Fine maggio da... brividi

i più visti
in vetrina
Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede

Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede


casa, immobiliare
motori
Nissan JUKE Hybrid: efficienza e basse emissioni ma anche piacere di guida

Nissan JUKE Hybrid: efficienza e basse emissioni ma anche piacere di guida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.