A- A+
Politica
Un riformatore moderato al Colle. Quello che ci voleva

Di Alberto Maggi 

Trenta minuti di lezione costituzionale. Sergio Mattarella si è presentato alla Camera per il discorso di insediamento con parole sobrie e autorevoli. Il suo settennato sarà un mix fra un'attenta e scrupolosa difesa della Costituzione e una spinta al rinnovamento e alle riforme.

Sostegno quindi al processo di cambiamento avviato dal governo Renzi ma anche nessuna concessione in caso di errori o sviste nella stesura dei decreti e delle leggi. Senza retorica, il Presidente ha ricordato gli ultimi, chi è senza lavoro, chi soffre per la crisi economica. Notevole il passaggio sulla lotta alle mafie e applauditissimo l'appello all'impegno per riportare a casa definitivamente i due marò dall'India. Tema non toccato da Napolitano nel discorso di fine anno.

Mattarella,  stando alle sue prime parole ufficiali, sarà un rigoroso custode della Carta pronto a innovare. Forse quello che ci voleva davvero in una fase di aspra contrapposizione tra un premier che sembra sempre più onnipotente e le opposizioni piccole, divise ma sempre pronte ad alzare i toni dello scontro politico. Mattarella non sembra affatto un uomo della Prima Repubblica ma un moderato riformatore. Lo vedremo alla prova dei fatti. Quando è se ci saranno motivi di tensione con chi lo ha scelto e votato. Per il momento possiamo solo dire tanti auguri di buon lavoro, Presidente. E auguri all'Italia e agli italiani. Ce n'è davvero bisogno.

(@AlbertoMaggi74)

Tags:
mattarellacolleinsediamento
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Ilary Blasi si ispira a Sophia Loren: "L'immaginazione dell'uomo..." FOTO

Ilary Blasi si ispira a Sophia Loren: "L'immaginazione dell'uomo..." FOTO


casa, immobiliare
motori
Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw

Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.