A- A+
Politica
Caos in Forza Italia. Denis Verdini a rischio

Il cerchio magico vuole abbattere Denis Verdini. Per ottenere la sua testa, i nuovi pretoriani del Cavaliere martellano il patto sulle riforme siglato con Matteo Renzi, di cui il potente ras toscano è artefice e garante. Già mesi fa - si legge su Dagospia - fu protagonista di un epico scontro notturno con Francesca Pascale a Palazzo Grazioli. E giovedì, ascoltate le parole del Cavaliere a Porta a Porta, non ha trattenuto l'amarezza: «Berlusconi terrà fede all'intesa, nonostante continuino a spingerlo verso la rottura - si è sfogato in privato - E per me, in ogni caso, quell'intesa resta valida».

Tira un'aria pessima, nella nuova sede di piazza San Lorenzo in Lucina. Tutti sognano una rimonta che sembra impossibile, sbattendo il muso contro sondaggi che per adesso restano infausti. E il cerchio magico, dopo aver collezionato scalpi importanti come quelli di Claudio Scajola, Sandro Bondi e Paolo Bonaiuti, continua a marcare stretto Berlusconi. Abbattere Verdini, in fondo, significa conquistare una volta per tutte il controllo del ponte di comando. «Lascialo andare via, Silvio», suggeriscono.

È una sfida giocata a tutto campo, strattonando il Cavaliere per costringere in un angolo il dirigente toscano. Come l'altro ieri, quando il board politico composto da Giovanni Toti e Renato Brunetta, Deborah Bergamini e Paolo Romani si è ritrovato a Palazzo Grazioli per caricare Berlusconi in vista del passaggio tv con Bruno Vespa. Il risultato? Un violento gancio alle riforme di Renzi e un paio d'ore di gastrite per Verdini. Il quale, poco più di un mese fa, aveva già minacciato l'addio. E, in privato, continua a non sbilanciarsi: «Ogni valutazione è rimandata a dopo le Europee».

Se si dà retta al Mattinale stilato dallo staff di Brunetta, però, tutto sembra già deciso. La nota politica chiudeva ieri la porta alle riforme, arrivando a dipingere il premier come il "Peròn de noantri". Toni che risuonano ascoltando anche il senatore Augusto Minzolini, acerrimo nemico del "Grande patto": «Ma cosa significa rispettare gli accordi? Sigliamo intese e poi, come accadde per la legge Severino, ci pentiamo amaramente... Stavolta non sarà così. E Renzi non minacci elezioni anticipate, perché si voterebbe con il proporzionale puro: è una pallottola spuntata».

Non manca, però, la fazione favorevole alle riforme. E arruola al suo interno frammenti azzurri che orbitano attorno a Verdini. «Per me - ha spiegato ieri in tv il deputato Ignazio Abrignani - il Presidente da Vespa è stato chiaro: rispetteremo l'accordo con Renzi». Vicini al dirigente toscano sono i parlamentari di Nicola Cosentino e parecchi altri senatori meridionali. Senza dimenticare Gianfranco Rotondi, che ha in mente gruppi autonomi con i delusi del Nuovo centrodestra. Attendendo il 26 maggio come il giorno del giudizio, poi - di fronte a un risultato deludente - molleranno gli ormeggi per difendere la vita delle riforme e della legislatura.

E sempre nel Mezzogiorno l'ala sudista guidata da Raffaele Fitto prepara la resa dei conti interna. «Almeno qui dovremmo resistere all'avanzata di Grillo - profetizza Clemente Mastella - ma al Nord corriamo rischi seri». Oltre a Fitto - che punta a quadruplicare le preferenze di Toti - lavorano per spostare gli equilibri del partito a suon di consensi anche il calabrese Pino Galati, Forza Campania, Noi Sud. Il giorno dopo il voto presenteranno il conto, reclamando per il big pugliese un posto chiave nel partito o la poltrona di capogruppo della Camera su cui siede Brunetta.

Tags:
verdini

i più visti

casa, immobiliare
motori
Con Citroen Ami alla scoperta di Monza

Con Citroen Ami alla scoperta di Monza


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.