A- A+
Politica

L'incontro con Giorgio Napolitano è stato "molto piacevole", ma "soluzioni per adesso non se ne vedono". Il leader ha spiegato di avere espresso per la situazione "sociale ed economica, l'Italia si avvia verso la catastrofe. Chi è oggi al governo del Paese è responsabile dello sfacelo, il governo delle larghe intese tutela solo gli interessi di Berlusconi, il governo Letta si balocca con il rinvio dell'Imu".

Grillo ha aggiunto: "Napolitano mi ha ricevuto in una sala dove non c'era il segnale telefonico e nemmeno il wi-fi".

Grillo ha detto a Napolitano che il debito pubblico italiano va "ristrutturato", perché altrimenti il Paese è destinato al default. "Il debito pubblico va ridiscusso, sta divorando lo stato sociale. Si può rimanere nell'euro solo rinegoziando le condizioni, o con gli eurobond o con la ristrutturazione del debito, misura che colpirebbe soprattutto la Francia e la Germania. Non possiamo fallire in nome dell'euro".

M5S: GRILLO, ESPRESSO PREOCCUPAZIONI AL COLLE PER CRISI - "Ho ringraziato Napolitano per la gentile accoglienza e per la sollecitudine. Gli ho espresso la mia preoccupazione per la condizione economica, sociale e politica del paese". Cosi' Beppe Grillo, in conferenza stampa al Senato, dopo aver incontrato Giorgio Napolitano. 

M5S: GRILLO, CAPORETTO. NON SIAMO PIU' IN DEMOCRAZIA - "E' una Caporetto, il Parlamento e' esautorato. Il governo fa i decreti legge, il Parlamento approva a comando. Non siamo piu' una repubblica parlamentare e forse non siamo piu' una democrazia". Lo ha detto Beppe Grillo in conferenza stampa al Senato. Grillo e' arrivato con i due capigruppo Riccardo Nuti e Nicola Morra, ma senza Gianroberto Casaleggio.

GRILLO: NON POSSIAMO FALLIRE IN NOME DELL'EURO - "Non possiamo fallire in nome dell'euro". Lo ha detto Beppe Grillo in conferenza stampa al Senato, leggendo un discorso scritto in una ventina di cartelle. Dopo rispondera' alle domande dei giornalisti.

CRISI: GRILLO, DEFAULT DELLO STATO E' PROSSIMO - Il debito pubblico "va ristrutturato" altrimenti "ho la certezza che il default dello Stato sia prossimo". Lo ha affermato Beppe Grillo in conferenza stampa riferendo cio' che ha detto al Capo dello Stato.

A NAPOLITANO HO DETTO TORNARE URNE SE NECESSARIO - "Questo Parlamento non e' stato eletto dagli italiani" ma "dalle lobby" e "non puo' affrontare le emergenze". Lo ha detto Beppe Grillo in conferenza stampa ed ha spiegato al Presidente Napolitano "ho detto: Faccia qualcosa, Lei si e' assunto una responsabilita' immane".E a Napolitano "ho chiesto di tornare alle urne se necessario" L'autunno e alle pofte insieme al possibile collasso economico. Non c'e' piu' tempo. Lei ha tenuto sulle sue spalle grandi responsabilita' quando poteva declinarle. Lei e' diventato uno scudo, un parafulmine dei partiti che non hanno saputo riformarsi". E il leader del M5s ha poi lanciato uan stoccata ai partiti: "Abbiamo degli incapaci che vanno a votare leggi che non capiscono" e che fanno passare i deputati M5s per gente che non fa nulla quando loro lavorano fino al venerdi" e gli altri "fino al giovedi sera".

ANCORA CON LE ALLEANZE? DA BERSANI SCOUTING NON PROPOSTE - M5S avrebbe potuto incidere di piu' se avesse percorso altre strade? "Le altre strade significa alleanze? Non c'e' mai stata una proposta seria di fare altre cose. Bersani faceva solo scouting, voleva solo voti. Lo ha anche detto alla festa dell'unita', voleva solo numeri, Bersani non ha mai risposto alle nostre richieste". Lo ha detto Beppe Grillo. "Voi - ha proseguito rivolto ai giornalisti - continuate a fare domande come se fossimo un partito nuovo, ma questo e' un Movimento che ha gia' vinto. Siamo noi la ragione per cui molti partiti sono spariti. Il Pdl si sta evolvendo in qualcos'altro, il Pd ha mille correnti. Noi stiamo obbligando questa gente a parlare di certe cose, sono costretti a seguire il nostro programma". E ha concluso: "Io non sono leader di nessuno, io sono un garante".

SU CANDIDATURE ANCHE SABGLI MA DA NOI ONESTI - "E'chiaro che non avendo avuto molto tempo per le candidature sono entrate persone che non dovevano entrare perche' avevano idee diverse. Abbiamo fatto degli sbagli ma abbiamo inserito persone oneste". Cosi' Beppe Grillo, in conferenza stampa al Senato.

Tags:
grillocasaleggionapolitano
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli

Scatti d'Affari
Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.