A- A+
Politica
Consulta, Violante si ritira: "Deriva che offende le istituzioni"

"Signore e signori del Parlamento, le Camere avrebbero dovuto eleggere due giudici della Corte Costituzionale nel giugno scorso. A distanza di quattro mesi da quella data nulla e' cambiato". Inizia cosi' la lettera pubblicata sul 'Corriere della Sera' in cui Luciano Violante annuncia di rinunciare alla corsa per la Consulta. Per Violante e' "necessario fermare una deriva che offende l'autorevolezza delle istituzioni e la dignita' delle persone". Per questo il candidato del Pd invita a "scegliere altra personalita' ritenuta piu' idonea ad ottenere il consenso necessario". Nella lettera Luciano Violante sottolinea che "il protrarsi dell'indecisione" sta producendo "grave discredito delle istituzioni parlamentari". Per questo l'ex presidente della Camera ringrazia "gli oltre cinquecento parlamentari" che lo avevano finora votato e invita il Parlamento a scegliere un'altra persona e osserva: "Nessun Paese puo' tollerare per troppo tempo una vita parlamentare frenata da ribellismi e forzature" perche' "una democrazia incapace di decidere attraverso il rispetto delle reciproche posizioni e' una pura rappresentazione teatrale". Per Violante infatti "le leggi sono inefficaci senza i 'buoni costumi', che impongono comportamenti misurati e lungimiranti soprattutto quando sono in questione le nomine di organi di garanzia". In queste circostanze, scrive, "concorrere a decisioni rapide e responsabili diventa un dovere per la considerazione dovuta tanto al Parlamento quanto alla Corte Costituzionale". E conclude chiedendo la "rapida elezione dei due nuovi componenti della Corte Costituzionale" per restituire "cosi' alla politica l'autorevolezza che le spetta in una democrazia funzionante".

Tags:
violante

i più visti

casa, immobiliare
motori
Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford

Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.