A- A+
PugliaItalia
720^ edizione Fiera San Giorgio Oltre 23mila a Gravina in Puglia

Prime tre giornate di impatto con la sua nuova età. La 720esima fiera di San Giorgio dà soddisfazioni. Stando ai numeri diffusi nella giornata di venerdì, i visitatori paganti si aggirano intorno ai 23 mila. A questi vanno aggiunti bambini e varie rappresentanze dei comuni, nonché espositori. «Si prospetta un ottimo risultato benché siano proibitive le condizioni meteorologiche. Mi sa che le cose stiano funzionando», ha chiosato soddisfatto il sindaco Alesio Valente.

Sei giorni di faccia a faccia con un profluvio di convegni, consensi e iniziative tra sala congressi e padiglioni. Gravina riparte dai giovani, dall’”intelletto inquieto” delle nuove generazioni. Tra loro e l’amministrazione sembra scoccata la scintilla. Nei toni, nei modi, nel merito.

Sono 720 le candeline spente dalla comunità gravinese, per la Fiera più antica d'Italia. Per le vie della città ha sfilato il corteo storico a cura dell’associazione “Conte G. di Monfort”. Prima tappa presso il Municipio e poi direzione fiera. La benedizione del vescovo Mons. Giovanni Ricchiuti, alle prese per la prima volta con la inaugurazione della campionaria gravinese ha anticipato il taglio del nastro da parte del primo cittadino Alesio Valente, a quattro mani con il ministro degli affari regionali Maria Carmela Lanzetta.

"La crisi non è alle nostre spalle, ma sulle nostre spalle", afferma il sindaco Valente. "Eppure la fiera di San Giorgio va in controtendenza, resiste e resta una vetrina unica. Sette sono le regioni presenti tra gli espositori: Puglia, Basilicata, Toscana, Lazio, Campania, Sardegna e Sicilia. Le nostre intenzioni sono quelle di aprire i confini, non più la nostra fiera, ma la vostra fiera. Non ha senso inventarsi altre campionarie, valorizziamo questo immenso contenitore, ritroviamoci in una sola grande comunità economica e sociale", ha continuato il primo cittadino, rivolgendosi ai paesi viciniori sedi di altrettante campionarie.  "La fiera deve diventare una agorà. Il cammino é lungo, ma possiamo farcela, dobbiamo farcela. Ci accingiamo a scrivere la 720esima pagina di questo libro. E ognuno di voi avrà contribuito a scrivere questo libro. Solo insieme si cambia davvero".

FieraSG cavallo
 

"Mi interrogavo sulla utilità di una manifestazione fieristica nell’era digitale, in cui non c’è bisogno di attendere le campionarie per conoscere le novità - ha preso la parola Rocco De Franchi, assessore alle attività economiche del comune di Bari. Agostino diceva che la speranza ha due figli, lo sdegno per le cose così come sono e il coraggio di cambiare le cose. Qui a Gravina c’é coraggio, si vuole ripartire dalle attività produttive. La città di Bari c‘è e ci sarà", ha concluso l’assessore barese.

Dal capoluogo pugliese alla Basilicata. In mezzo Gravina, accarezzata e sostenuta."Il fatto che centinaia di espositori decidano, pur in questo clima di grande difficoltà, di fare un passo in avanti e di stare insieme, è la prova che possiamo farcela. Dobbiamo imparare da questo esempio di animazione economica, aderendo a progetti e perseguendo la via che ci ha insegnato la storia, 720 anni di storia. Gravina e Matera hanno stretto un patto", ha fatto eco Salvatore Adduce, il sindaco di Matera.

"Voglio sottolineare il grande legame che unisce questo territorio al governo regionale. Un legame ancor più forte da quando abbiamo restituito un luogo di cura a questa comunità. Oggi è nata la prima bambina nell’ospedale della Murgia. Stiamo insieme», ha suggerito Elena Gentile, assessore regionale al welfare.

Presente, come del resto anche negli anni passati, il presidente della Provincia di Bari Francesco Schittulli: "Mi attendo molto da questa edizione della fiera, mi attendo il rilancio della città nel segno del cambiamento. Ci sono delle debolezze che si stanno registrando sul territorio regionale e provinciale. Penso al lavoro dei giovani, delle donne, all’incertezza che c’é nel disegnare il loro futuro, a chi ha 50 anni e ha paura di perdere il lavoro, penso agli anziani, allo stato di debolezza che vivono. Sono tre gli elementi che dovrebbero far decollare questa regione: l’agricoltura di qualità, il turismo, le infrastrutture. Dobbiamo farcela". Poi Schittulli ha voluto aggiungere una chiosa sul nosocomio murgiano. "Non credo sia motivo di orgoglio realizzare una struttura sanitaria dopo decenni di abbandono degli ospedali di Altamura e Gravina",.

"L’inaugurazione della fiera é un momento di festa e i momenti di festa non vanno rovinati - ha ammonito il presidente del consiglio regionale, Onofrio Introna - C’è bisogno di dare risposte al mondo imprenditoriale, a chi ci crede ancora. Gravina rappresenta insieme la tenacia e la testardaggine del Mezzogiorno. La fiera di Gravina continuerà a crescere perché rappresenta la storia di un popolo che non si è mai arreso. Ci sono voluti vent’anni per fare un ospedale. Certo questo é anche il paese della burocrazia che noi istituzioni dobbiamo combattere", ha concluso Introna.

Risponde all’appello anche il vice ministro dell’interno, Filippo Bubbico, in un legame speciale con Gravina in Puglia e i suoi amministratori. "Un plauso va al sindaco Valente che ancora una volta ha saputo promuovere un evento importate per questa città. La situazione é difficile, ma il Mezzogiorno può farcela. Noi dobbiamo dimostrare di essere la parte innovativa, più promettente di questo paese. La presenza di tanti cittadini e la condivisione di tanti sindaci é un fattore di fiducia e certezza affinché l’anno prossimo si possa ricordare questo evento con uno spirito nuovo, sostenuto da fatti concreti che nel frattempo saremo riusciti a realizzare", ha aggiunto Bubbico.

A chiudere la cerimonia inaugurale, prima della visita ai padiglioni, il ministro agli affari regionali Maria Carmela Lanzetta "Qui a Gravina si celebra l’Italia che non molla. Questa è una fiera di raffronto, innovazione e storia. Bene anche l’idea di realizzare un altro evento in questo quartiere, l’Expo giovani. Ripartiamo dai giovani e dalle risorse del territorio".

(gelormini@afaritaliani.it)

Tags:
fiera san giorgiogravina in pugliavisitatori
i blog di affari
Il Vaticano s'è svegliato. Ddl Zan figlio del nuovo ordine rifiuta i dissensi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
La Meloni vola nei sondaggi ma si vota solo alle primarie del Pd
M5s, lo strappo è a un passo. E ora può nascere il partito di Conte
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.