A- A+
PugliaItalia
Alluvione Gargano, i senatori pugliesi di Forza Italia presentano interrogazione urgente
"Dopo due vittime, la devastazione per ben 14 comuni, l’apertura di una inchiesta per disastro colposo, omicidio colposo violazione delle leggi urbanistiche e omissione d’atti di ufficio da parte della Procura di Foggia, la promessa di una dichiarazione immediata dello stato di emergenza, nonché dello stanziamento di fondi ad hoc, ad oltre un mese dalla terribile alluvione che ha messo in ginocchio il Gargano il Governo Renzi non ha fatto un solo passo in avanti verso queste popolazioni.
 
Allo stato attuale il Consiglio dei Ministri, nonostante il sopralluogo - praticamente in tempo reale del 7 settembre scorso - da parte del presidente della Protezione civile, Gabrielli e la successiva passerella del presidente Renzi – il 13 settembre - nelle terre completamente devastate dal fango, con relativa promessa che nessuno sarebbe stato lasciato solo, non ha dichiarato né lo stato di emergenza, né lo stato di calamità naturale per i danni ingenti alle produzioni agricole e neppure un euro è stato stanziato, se non dalla Regione Puglia che – ci risulta – abbia posto in essere tutti gli adempimenti necessari per ottenere il riconoscimento di uno status che era nei fatti, come d’altronde annunciato durante un vertice nella Prefettura di Foggia dallo stesso Gabrielli.
D'Ambrosio Lettieri
 
 
Come mai le procedure si sono arenate, ammesso che il Governo le abbia mai prese davvero in considerazione, a parte gli annunci?
 
Chiediamo che il presidente Renzi convochi immediatamente una seduta urgente del Consiglio dei Ministri per dare finalmente una risposta concreta e doverosa ad un territorio che intende risollevarsi, la cui gente si è già rimboccata le maniche per ricominciare, ma che non può far fronte ad una tragedia simile, che coinvolge non solo le vite personali, ma l’intero sistema economico e produttivo di quest’area, in perfetta solitudine.
 
Una vergogna di cui chiediamo conto e che deve trovare pieno riscatto in un’azione immediata e concreta. Basta con le parole. Le promesse se le porta il vento”.
 
Lo dichiarano in una nota i senatori pugliesi di FI d’Ambrosio Lettieri, Amoruso, Bruni, Bruno, Iurlaro, Liuzzi, Perrone, Tarquinio e Zizza, che hanno presentato interrogazione urgente al Governo.
 
FittoEuropa1
 
Sul tema interviene ache il Consigliere regionale di Forza Italia, Giandiego Gatta: “Ringrazio a nome dei cittadini del Gargano l’on. Fitto per l’attenzione riservata al nostro territorio, colpito duramente dall’alluvione di settembre. A 40 giorni da quelle ore drammatiche, Fitto dice la Verità: non solo non è arrivato un centesimo per sostenere la nostra popolazione, ma non è stato ancora dichiarato lo stato di emergenza dal Consiglio dei Ministri, nonostante la Regione Puglia abbia già fatto la sua parte”.

“Il Governo nazionale - prosegue - ha dimenticato le ferite, sebbene recentissime, che la natura ha inferto al Gargano. Tuttavia, se oggi siamo stati già dimenticati, il premier Renzi non ha tardato un minuto per farsi fotografare quando tutto ciò è accaduto, e la gravità degli eventi avrebbe dovuto imporre, come se fosse stato un imperativo categorico, di evitare qualsiasi strumentalizzazione  - ben riuscita da parte di tanti politici -  della tragedia per mera propaganda elettorale”.

“Per questo - conclude il Consigliere - ringrazio l’on. Fitto, certo che saprà difendere la dignità del Gargano ed il diritto della nostra terra ad essere considerata e aiutata a rialzarsi”.
 
(gelormini@affaritaliani.it)
 
Tags:
garganoforza italiasenatoripugliainterrogazione
i blog di affari
Alternanza scuola-lavoro, diciamo basta all'istruzione turbocapitalistica
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il “vecchio” Biden indica i nemici Cina e Russia
Di Ernesto Vergani
Faccia a faccia Salvini-Draghi: "Cosa ho chiesto al premier"
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.