A- A+
PugliaItalia
Amtab, Comune approva il Piano di rilancio

Seduta natalizia del Consiglio Comunale di Bari, per approvare il piano di rilancio dell’Amtab su proposta del sindaco Antonio Decaro.

Nel documento presentato in aula sì il principio del potenziamento del servizio di Trasporto Pubblico Locale (TPL) e della sosta, e una revisione del modello operativo degli altri servizi gestiti dalla stessa azienda.

Decaro giura
 

Il piano di rilancio deve far fronte ad una crisi di liquidità ed un patrimonio insufficiente con una ricapitalizzazione che l’Amministrazione ha voluto condizionare alla presenza di un piano di efficientamento del servizio. Il contributo comunale si sostanzia in 6 milioni triennali ( 2 milioni per anno) a fronte di una serie di obiettivi prestabiliti a cui l’azienda dovrà attenersi. 

  • Razionalizzazione dell’offerta e miglioramento del servizio di Trasporto Pubblico Locale. 
  • Potenziamento del servizio di sosta.
  • Efficientamento organizzativo e contenimento dei costi aziendali.
  • Revisione dei processi di vendita e aumento dei controlli finalizzato all’incremento dei ricavi.
  • Valorizzazione degli asset aziendali (sfruttamento degli spazi pubblicitari aziendali, realizzazione di un impianto fotovoltaico, incorporazione dell’azienda AMS, valorizzazione dell’immobile industriale di proprietà mediante ipotesi di cartolarizzazione).

Tutti gli obiettivi sono sostanziati in specifiche azioni e linee guida per la piena attuazione.

amtab 5 2
 

Il piano contiene la definizione di programma di monitoraggio che prevede i seguenti asset:

  •  Individuazione di un set di indicatori,comprensivo di target e modalità di misurazione, che consentano la verifica dello stato di attuazione del piano di rilancio. 
  •  Inserimento degli obiettivi del piano di rilancio negli strumenti di programmazione di AMTAB (relazione previsionale) e del piano delle performance con integrazione nel sistema di controllo strategico.
  •  Fornire report trimestrali sintetici sullo stato di attuazione di obiettivi e indicatori da inserire nei report previsti per il controllo analogo.
  •  Attribuzione di funzioni di controllo sulla realizzazione del piano al comitato tecnico di coordinamento per i servizi di mobilità, che sarà nominato nell’ambito del progetto sulla gestione della qualità dei servizi.
  •  Verifica dei dati sulla qualità dei servizi nell’ambito delle attività del costituendo Osservatorio sulla qualità dei servizi pubblici sia relativamente al monitoraggio trimestrale che alla sessione annuale di verifica.

Nei prossimi anni l’amministrazione sarà impegnata a reperire ulteriori fondi derivanti dai contributi attesi nella programmazione 2014- 2020 nell’ambito del PON Metro per il miglioramento del TPL. Il sindaco Decaro ha inoltre annunciato oggi la messa in servizio di 12 autobus acquistati usati dall’Amtab a fronte delle indicazioni della stessa amministrazione per far fronte alle carenze del parco mezzi.

(gelormini@affaritaliani.it)

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
amtabpianorilanciocomunedecaro
i blog di affari
Covid, Lancet smonta le tesi che stigmatizzano i non vaccinati
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Draghi-Schwab, vis a vis due protagonisti dell'ordine neoliberale filobancario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Violenza donne, la maratona radiofonica che dà voce alla lotta agli abusi
L'opinione di Tiziana Rocca
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.